La vista migliora con le console, ma il Pc crea dipendenza

AccessoriWorkspace

Se il computer è una “droga”, le console vengono scagionate dal provocare danni alla vista, anzi, funzionano come ginnastica oculare

La presidente dell’Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico (Eurodap) Paola Vinciguerra, ha accusato i l Pc di essere la droga degli italiani:Uomini e donne drogati di pc con la convinzione di potersi allontanare dal computer in qualsiasi momento e incapaci di avere rapporti veri con le persone“. Per il 70% degli intervistati al di sotto dei 55 anni usare il Pc, fuori dal lavoro, per oltre 2 ore al giorno, è normale. Il 15%, compreso nella fascia di eta’ piu’ alta 55-75 anni, ne fa un uso piu’ moderato. Ma il restante 15% “pur non facendone un uso eccessivo, e’ lontano dal chiedersi come questo nuovo fenomeno potra’ incidere sulla nostra qualita’ di vita“.

Se il Pc finisce sul tavolo degli imputati come strumento in grado di creare dipendenza come una droga, i videogame sono assolti da un’altra accusa: non peggiorano la vista. Anzi la migliorano.

Daphne Bavelier, dell’Università di Rochester, New York,ha pubblicato lo studio sulla rivista scientifica Nature Neuroscience. Nei giocatori di videogame d’azione (Call of Duty 2 e Unreal Tournament 2004) si è generato un miglioramento del 43% nella capacità di cogliere le sfumature del grigio, che non è emersa invece nell’altro gruppo (che era stato trattato con The Sims 2).

Per essere aggiornato sulle ultime notizie del mercato, iscriviti alle newsletter di NetMediaEurope, clicca qui

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore