L’accordo parziale tra la ricerca di Yahoo! e Microsoft non è imminente

Aziende

Devono essere esplorate tutte le implicazioni Antitrust dell’eventuale intesa

Il miliardario Carl Icahn ha lanciato un ultimatum a Microsoft e Yahoo! , ma le due aziende, in cerca di un accordo parziale limitato agli asset della ricerca onlin e, non possono accelerare i tempi. Carl Icahn continua a preferire un’acquisizione di tutta Yahoo!, per un accordo da circa 48 miliardi di dollari, invece Microsoft è più propensa a un accordo parziale. Ma una simile intesa non è imminente: devono essere esplorate tutte le implicazioni Antitrust dell’eventuale accord o.

Le questioni Antitrust riguardano: cosa viene venduto, in quali mercati compete, e quale livello di concorrenza rimane ad accordo fatto. C’è insomma ancora tempo, anche se Icahn vuole mette fretta:

il finanziere ha infatti detto che se Microsoft non compra Yahoo!, lavorerà a favoredi un accordo tra Yahoo! e Google, in funzione anti Microsoft.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore