L’advertising online ha il fiato corto? Non in Italia

Workspace

La recessione Usa frena lievemente il mercato pubblicitario Web nel secondo trimestre. Ma in Italia la crescita nel 2008 sarà del 23,3%

L’advertising online frena: negli Usa nel secondo trimestre 2008 ha messo a quota 5,745 miliardi di dollari, con un incremento del 12,8% rispetto allo stesso periodo 2007, ma in leggero calo (dello 0,3%) rispetto al trimestre precedente. Ma a destare preoccupazione fra gli addetti ai lavori è il fatto che si tratta del secondo calo, rispetto agli ultimi due trimestri consecutivi. La crisi finanziaria con conseguente recessione Usa potrebbe poi frenare ulteriormente il mercato dell’advertising online nei prossimi mesi. Lo afferma Pricewaterhouse Coopers Llp.

Il più pessimista di tutti è Bloomberg: il credit crunch potrebbe non penalizzare di 6,7 miliardi, le vendite del mercato pubblicitario in Rete, entro la fine del 2010.

La debolezza Usa sarà visibile ovunque? Su questo punto Iab risponde di no:in Italia l’advertising online dovrebbe crescere del 23,3% nel 2008, a 847 milioni di euro. Insomma, in Italia si respira ancora ottimismo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore