L’advertising sui motori di ricerca supera la soglia dei 100 miliardi di dollari

AziendeMarketingMercati e FinanzaPubblicità
IAB Italia: Il mercato digitale in Europa sorpassa la TV

Google e Facebook rappresentano un duoplio: i due colossi Internet si spartiscono tra l’85 e il 90% della spesa per la pubblicità in Rete. L’advertising online nella palla di cristallo

Gli investimenti in advertising saliranno del 4,3% quest’anno e del 4,4% il prossimo. Lo riporta Zenith Optimedia Group (Publicis), che abbassa di mezzo punto percentuale le previsioni sull’andamento del mercato pubblicitario rispetto allo scenario illustrato lo scorso marzo. La riduzione è dovuta soprattutto alla svalutazione della moneta in Argentina.

La spesa in advertising totalizzerà 537 miliardi di dollari. Secondo Zenith, Cina, Usa e Indonesia svettano ai primi posti, seguono Uk, India e Germania. Inoltre, la paid search è destinata a valere 102 miliardi di dollari.

In Europa, dopo la crisi dell’eurozona, conseguenza della recessione del 2008-2009, la spesa in advertising è salita del 3.7% nel 2014 e del 4.0% nel 2015, e dovrebbe scendere al 3.2% di media fino al 2018. In maggiore e più veloce crescita sono i Paesi periferici dell’Eurozona: l’Irlanda ha messo a segno un incremento annuale dello 8% dal 2014; la Spagna stima un rialzo del 7% quest’anno e l’anno prossimo, dopo il 7% nel 2015, mentre il Portogallo cresce del 4%-5% all’anno. Perfino la Grecia dovrebbe registrare una crescita annuale del 3%-4% fino al 2018. Il mercato rimane debole in
Italia, la crescita oscilla fra l’1% e il 2% all’anno. Ma il fanalino di coda spetta alla Francia, la cui crescita si ferma a un modesto 0%-1%. Anche la Gran Bretagna, dopo la Brexit, passerà dal 9.2% al 5.6% quest’anno, per attestarsi al 4%-5% nei prossimi due anni. Il blocco dell’Europa centrale e dell’Est passerà dall’11.1%
del 2013 al 6.3% nel 2017 e al 7.9% nel 2018.
Il Giappone metterà a segno un incremento dell’1.4% all’anno fra il
2015 e il 2018.7
L’Asia, compresa la Cina, passerà dal 12.0% all’anno fra il 2010 e il 2015 al 9.5% nel 2016, all’8.9% fra il 2015 e il 2018.
Pewr il Nord America si stima un incremento annuale del 3.3% fino al 2018.

Secondo Ken Doctor (Newsonomics), Google e Facebook rappresentano un duoplio: i due colossi Internet si spartiscono tra l’85 e il 90% della spesa per la pubblicità in Rete. Inoltre, l’advertising online, secondo un recente studio Comscore, rende di più sui “premium media”, cioè i siti top, come, per esempio, The Times, Espn, Hearst, Discovery Communications, Gannett, Slate e Abc: la differenza di prezzo rispetto agli altri siti sfiora i 20 dollari.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore