L’Agenda Digitale UE in sette punti. Priorità: la banda larga

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Al posto di Neelie Kroes, è stato nominato il commissario tedesco Günther Oettinger, che dovrà trasformare in realtà le 101 ‘azioni’ dell’Agenda Digitale europea. Cosa sapete di Kroes e della sua carica all'Unione europea? Mettetevi alla prova con un quiz

La commissaria UE Neelie Kroes ha presentato l’Agenda Digitale in sette punti. Priorità è la banda larga, a cui sarà dedicato un “pacchetto” di dieci azioni nel 2013: “È finito il tempo delle lamentele, il 2013 sarà l’anno del fare”

La banda larga è priorità e rappresenta la chiave di volta degli investimenti; ma anche “rimettere in moto l’economia“. Neelie Kroes, vice presidente della commissione europea e a capo della Digital Agenda UE, ha presentato l’Agenda Digitale europea per il 2013. Declinata in sette punti, l’Agenda digitale UE (Pdf) mette ai primi posti l’incremento degli investimenti nella banda larga grazie a un ”nuovo e stabile ambiente normativo”. La commissaria responsabile Neelie Kroes chiede un accesso alla rete non discriminatorio e che vengano rinnovate le metodologie di costi per l’accesso all’ingresso alle reti, oltre a confermare la neutralità della rete, i servizi universali e la riduzione dei costi civili per lo sviluppo.

Ma priorità dell’agenda Digitale europea consiste anche nel ridare fiato all’economia, nella consapevolezza che l’economia digitale “cresce 7 volte più velocemente del resto dell’economia“. La commissaria sta mettendo a punto un “pacchetto equilibrato”, suddiviso in dieci azioni, solo dedicato alla banda larga, che sarà presentato nel 2013: “I mercati hanno reagito positivamente – ha affermato la commissaria Ue – quindi è finito il tempo delle lamentele, il 2013 sarà l’anno del fare“.

A questo proposito, saranno revisionati gli aiuti di stato sulla banda larga, e i fondi Ue attraverso il sistema dei ‘project-bond‘ tramite la ‘Connecting Europe Facility‘ e la Bei. L’obiettivo è semplificare e promuovere le partnership pubblico-privato per gli investimenti nel broadband. La seconda delle sette priorità consiste infatti nel creare servizi digitali: la firma elettronica, la mobilità delle imprese, la giustizia online, la sanità elettronica e le piattaforme digitali per la cultura. Terza priorità è la coalizione digitale, coordinando azioni nel pubblico e privato.

Altre priorità saranno la revisione delle normative sul diritto d’autore, la focalizzazione sulle agevolazioni per le Startup digitali, iniziative dedicate agli e-skills e certificazione delle competenze digitali, nuova direttiva europea sulla cyber-sicurezza per la lotta al cyber-crime, strategia per lo sviluppo della micro e nano-elettronica e azioni-dimostrative nel mercato del cloud computing. La nuova norma sul copyright sarà varata nel 2014, dopo un raffronto fra tutte gli stakeholder. Inoltre la UE vuole rendere l’Europa il più vasto mercato ICT cloud del mondo, grazie ad azioni-pilota nella Pubblica amministrazione, abbattendo i “fortini nazionali” ed aprendo le frontiere grazie al cloud.

A maggio 2011 la UE aveva fatto un primo bilancio dell’Agenda digitale europea, ma molti Paesi – come l’Italia- risultavano drammaticamente indietro. Il nostro Paese è stato fra gli ultimi a varare l’Agenda digitale italiana, approvata pochi giorni fa, con una corsa contro il tempo, allo scadere del governo Monti. Ma Bruxelles insiste: l’Agenda Digitale genera una crescita del Pil Ue del 5% nei prossimi otto anni, e fino a 3,8 milioni di nuovi posti di lavoro, di cui 1,2 milioni in cantiere, con la costruzione di nuove infrastrutture.

Neelie Kroes ha concluso il suo discorso, rivolgendosi ai giovani, per spronarli ad investire sulle competenze IT e lavorare nell’economia digitale: “Gli europei devono capire che creare il proprio lavoro è sexy –  e la Rete lo rende possibile. Abbiamo bisogno di persone abbastanza coraggiose per cogliere queste opportunità“.

Conosci la storia d’Europa nell’Hi-tech? Misurati con il nostro Quiz!

Neelie Kroes: Agenda Digitale UE in sette punti. Priorità: la banda larga
Neelie Kroes: Agenda Digitale UE in sette punti. Priorità: la banda larga
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore