L’altra faccia di Google

Marketing

Il libro di Ippolita intitolato Luci e ombre di Google sposa il copyleft e va
in Rete

L’inchiesta sul lato oscuro di Google, presentata da Ippolita all’ultimo Hackmeeting, diventa un libro Feltrinelli. Nato dall’idea di Larry Page e Sergey Brin, Google in questi anni si è evoluto: ormai, oltre alla ricerca online, Gmail e fogli di calcolo, comprende un sistema di pagamento online (Google CheckOut), un traduttore automatico, un servizio di digitalizzazione libri (Google Book search) e mappe per la ricerca locale. Il tutto finanziato dal potente AdWords, il sistema di adsvertising online (che già guarda al mondo offline, spaziando dalla radio alla Tv, dalla carta stampata alle affissioni). Ma il successo travolgente della società di Mountain View non ha solo luci. Ha anche qualche ombra: la privacy è uno dei talloni d’Achille del motore di ricerca; anche la censura in Cina non è un fiore all’occhiello, ed è stata rimproverata più volte dalla associazioni no profit. La comunità hacker riunita sotto la sigla di Ippolita ha scandagliato tutte le ombre che offuscano la fama di Google: il libro intitolato Luci e ombre di Google (, in uscita per i Tipi di Feltrinelli, ha anche una versione online (come lo storico I motori di ricerca nel Caos della Rete di Ferry Byte e Parrini) in licenza CopyLeft. Il volume edito da Feltrinelli viene presentato presso l’agenzia di comunicazione xX(y) in Via Bianchi d’Espinosa (Niguarda) a Milano, alle ore 19.00; invece il 14 aprile, alle ore 15.30, presso il Laboratorio del precariato sociale Crash! in Via Zanardi 48 a Bologna.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore