L’analisi delle reti secondo Fluke Networks

Aziende

Reti sempre più complesse che devono essere in grado di gestire un numero sempre maggiore di dati, applicazioni, funzionalità. In questo contesto conoscere nel dettaglio la qualità e le prestazioni di dorsali e collegamenti è fondamentale. Per questo coloro che si occupano di installare le infrastrutture chiedono strumenti di analisi, verifica e certificazione sempre più

Reti sempre più complesse che devono essere in grado di gestire un numero sempre maggiore di dati, applicazioni, funzionalità. In questo contesto conoscere nel dettaglio la qualità e le prestazioni di dorsali e collegamenti è fondamentale. Per questo coloro che si occupano di installare le infrastrutture chiedono strumenti di analisi, verifica e certificazione sempre più sofisticati, precisi e veloci nel completare le diagnosi. Strumenti che devono inoltre essere in grado di agire su cablaggi sia in rame sia in fibra ottica. Una risposta concreta a queste esigenze arriva da Fluke Networks, società specializzata nello sviluppo e nella realizzazione di analizzatori di cavi, che presenta la sua più recente famiglia di dispositivi denominata Dtx. Robert Luijten, european marketing manager della società descrive i nuovi Dtx come un prodotto rivoluzionario nella sua categoria: “I Dtx offrono funzionalità che non sono presenti in prodotti della concorrenza come, per esempio, la capacità di lavorare sia con reti in rame sia con quelle in fibra ottica, e prestazioni tre volte più rapide rispetto al dispositivo più veloce oggi disponibile sul mercato”. La velocità di esecuzione dei test è un requisito fondamentale, considerando l’elevato numero di collaudi che i tecnici devono fare per verificare l’integrità di una rete. Più è alto il numero di nodi più sono i test che devono essere effettuati e, di conseguenza, maggiore è il risparmio di tempo se si utilizzano i nuovi Dtx di Fluke Networks. I modelli sono tre: Dtx-L venduto al prezzo di 6.995 euro, Dtx-1200 a 7.695 euro e Dtx-1800 disponibile, come gli altri, a partire da metà maggio al costo di 8.395 euro. Maurizio Malinconi, senior sales support di Fluke Networks in Italia indica nel modello Dtx-1200, quello che risponde maggiormente alle esigenze degli installatori che lavorano nel nostro Paese, esigenze operative legate alla tipologia delle reti più diffuse nella Penisola. Fluke Networks ha fatturato circa 190 milioni di dollari lo scorso anno, di cui circa il 40% in Europa. Lavora con tre divisioni: quella dedicata alle infrastrutture che si occupa proprio di dispositivi come il nuovo Dtx, quella che realizza soluzioni pensate per le reti aziendali e quella che invece si rivolge alle società di telecomunicazione. “Ci aspettiamo una crescita significativa del mercato del cablaggio in Europa – afferma Luijten -, questo sia perché nel 2001 e 2002 si è registrato un consistente rallentamento, (nel 2003 si è registrata una crescita del 6%), sia perché vi sarà l’esplosione dei mercati dell’est europeo, in particolare Polonia e Russia”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore