L’antica Mesopotamia finisce nella rete di Google

Marketing

Google mette in vetrina sul Web migliaia di immagini di reperti archeologici del Museo Nazionale dell’Iraq

Google continua il suo percorso per portare i musei sul Web: prima con l’antica Roma in 3D e poi con El Prado di Madrid. Ora tocca all’Iraq e alle vestigia dell’antica Mesopotamia, la cui mezzaluna fertile, fra il Tigri e l’Eufrate, fu culla della civiltà. Oggi il museo è chiuso, a causa della guerra, ma rivive in Rete.

Google mette in vetrina sul Web migliaia di immagini di artefatti e reperti archeologici del Museo Nazionale dell’Iraq. Google ha scattato oltre 14.000 foto e punta ad uploadarle dall’inizio del 2010.

La maggior parte delle aziende americane non sono ancora operative in Iraq, a noi piacerebbe dimostrare che è possibile fare affari in Iraq, che l’Iraq è un mercato importante che crescerà rapidamente, che è sufficientemente stabile“, ha spiegato il Ceo di Google, Eric Schmidt.

Per l’Iraq virtuale non è la prima volta. La storia di sumeri e babilonesi è già tornata a nuova vita nel museo di bit dell’Iraq, grazie all’archeologia virtuale del Cnr ( The virtual museum of Iraq ). Ad aprile Google e Twiiter erano stati in Iraq: la rinascita dell’Iraq passa oggi dal Web 2.0 e dall’hi-tech statunitense.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore