L’Antitrust UE accende i fari su Google Android

Autorità e normativeAziendeGiustiziaMarketingMercati e FinanzaMobile OsMobilityNormativa
Multa antitrust agli operatori mobili per servizi non richiesti

Antitrust UE contro Google. La nuova indagine riguarderà Android, la piattaforma mobile che detiene il 70% del mercato smartphone

Microsoft, Nokia e Oracle puntano il dito contro il dominio di Google Android. I vendor parlano di “strategia mobile anti-competitiva” da tenere sotto la lente dell’Antitrust UE. Google, già sotto inchiesta in Europa perché si teme una distorsione del mercato e un abuso di posizione dominante nel mercato della ricerca online (accuse che emergerebbero nel modo in cui Google piazza i risultati della ricerca), dovrà affrontare una nuova “grana” Antitrust: questa volta causata dalla piattaforma mobile Android. Microsoft e gli altri produttori accusano Google di spingere i servizi del proprio ecoisistema su Android, “orientando” gli utenti ad utilizzare YouTube e Google Maps, a scapito della concorrenza.

Il capo della commissione europea alla Concorrenza Joaquin Almunia ha confermato  al New York Times il nuovo capitolo Antitrust di Google (l’esame di Android), indipendente dal capitolo sulla ricerca online. L’indagine su Android parte dalle accuse di Fairsearch Europe,  un gruppo di aziende che comprende Microsoft, Nokia e Oracle, rappresentando in tutto 14 aziende: Android è stato descritto come “una modalità per offrire vantaggio alle apps di Google che sale sul 70% degli smartphone venduti oggi” ha affermato Thomas Vinje, avvocato del Fairsearch Europe. Alle nuove, pesanti accuse, Google risponde di voler cooperare con la Commissione europea. Microsoft, fra gli accusatori, è stata da poco multata con una sanzione da 561 milioni di euro, per non aver rispettato il Ballot Screen sulla libera scelta del browser su Windows.

Adesso i 14 della Fairsearch Europe accusano Google di “voler controllare su Android i dati consumer sulla maggioranza degli smartphone venduti“. La distribuzione di Android a prezzi low-cost viene definita “predatoria” perché rende “difficoltoso agli altri produttori di sistemi operativi di rientrare negli investmenti contro l’agguerrita piattaforma di Google, che domina il mercato mobile”.

Secondo IDC e Gartner, Android detiene il 70.1% del mercato smartphone (dati del quarto trimestre) contro il 52.9% dello stesso periodo del 2011. Google è sotto stretta “osservazione” anche dalle Authority Privacy europee, dopo aver unificato le policy privacy in un’unica regolamentazione, che però ha sollevato critiche in ambito UE.

Siete esperti di Google? Misurati con un Quiz!

Antitrust UE contro Google: fari accesi su Android @shutterstock
Antitrust UE contro Google: fari accesi su Android
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore