Mobile AppMobility

L’App economy sotto la lente, fra ricavi e download

L'App economy sotto la lente, fra ricavi e download
0 5 Nessun commento

Il numero di applicazioni scaricate e i ricavi degli app store, compresi gli acquisti in-app, non cessano di crescere. Le analisi di App Annie e Flurry

Soltanto nelle due settimane di Natale, Apple ha messo a segno ricavi per 1,1 miliardi di dollari. Dal 2008, sono stati pagati ai developer ben 40 miliardi di dollari, di cui 13 miliardi solo nel 2015. Ma quanto vale l’App economy? Dagli strumenti di analytics di App Annie, emerge che Google Play Store, il negozio virtuale di apps per Android, ha chiuso il 2015 mettendo a segno un incremento del 100% di download, ma è App Store di Apple per i dispositivi iOS a mettere la freccia su Google del 75% in ricavi.

L'App economy sotto la lente, fra ricavi e download
L’App economy sotto la lente, fra ricavi e download

Il numero di applicazioni scaricate e i ricavi degli app store (compresi gli acquisti in-app) non cessano di crescere. Lo conferma anche Flurry, secondo cui i download da App Store sono aumentati del 20% nel 2015: ciò ha contribuito al raddoppio del fatturato da parte dell’azienda di Cupertino.

In Italia l’economia delle apps valeva quasi il 2% del Pil nel 2014. L’App economy tricolore ha superato i 25 miliardi di euro, pari all’1,6% del PIL.

India, Indonesia, Messico, Turchia e Vietnam sono le tigri dei mercati emergenti. In particolare, Brasile, India, Indonesia, Turchia e Messico, tutti insieme, rappresentano circa la metà della crescita di download messa a segno da Google Play, ma iOS fa la parte del leone nel fatturato, trainato dalla Cina, il primo mercato di iPhone.

Android detiene lo scettro del mercato smartphone, con ltre l’80% di market share, ma a Apple spetta la fetta di utenti con più alta propensione all’acquisto di apps.

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici