Larga banda UE: aperta consultazione pubblica per superare digital divide

NetworkReti e infrastrutture

La Commissione valuta nuove misure per la diffusione in aree non ancora raggiunte dal servizio.

BRUXELLES. La Commissione europea ha aperto una consultazione pubblica inerente lo sviluppo di connessioni Internet ad alta velocità in quelle zone dell’UE dove tale servizio non e’ ancora disponibile. In particolare, la Commissione dovra’ valutare se esista o meno l’esigenza di nuove misure amministrative per amplificare la diffusione della larga banda nelle zone piu’ povere o scarsamente popolate ed, eventualmente, in quale modalita’ intervenire. In secondo luogo si dibattera’ sul progetto relativo all’istituzione di un sito web tramite il quale, le autorita’ regionali e locali, potrebbero, in maniera volontaria, rendere pubblici i propri sforzi per lo sviluppo dei servizi ad alta velocità. Lo scorso anno, la banda larga ha fatto registrare un incremento del 70 per cento, con circa 40 milioni di nuove linee nell’ambito dell’UE. Circa il 90 per cento della popolazione residente in aree urbane e’ potenzialmente raggiungibile dal servizio, mentre nelle zone agricole o maggiormente periferiche, la percentuale e’ di gran lunga inferiore. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore