AziendeManagementMarketingNomine

Larry Ellison lascia il timone di Oracle

Larry Ellison, Ceo di Oracle, lascia il timone a Mark Hurd e Safra Catz
2 12 Nessun commento

Larry Ellison, Ceo di Oracle, si dimette. Nominati co-Ceo Mark Hurd e Safra Catz

Larry Ellison, Ceo di Oracle, si dimette. Nuovi co-Ceo sono Mark Hurd e Safra Catz. Ellison, ex Ceo, il re dei database, diventato celebre per le acquisizioni strategiche di Oracle, messe a segno dal 1977 in poi, ma anche per la passione per il catamarano, si dimette e lascia il timone ai nuovi co-Ceo sono Mark Hurd e Safra Catz, destinati ad affrontare la sfida di traghettare Oracle nell’era del cloud computing. Oracle ha una storia originale nello scenario IT: è forse l’unica azienda che dal 1977 a ieri non aveva mai cambiato la sua guida.

Frontman orgoglioso ed energico, Ellison diventa chief technology officer (CTO) e chairman esecutivo del board, mentre Jeff Henley sarà vice chairman. Catz guiderà produzione, finanza e aspetti legali. Hurd, responsabile per le vendite, servizi e verticali, avrà lo stesso ruolo di Co-Ceo. Software e hardware engineering saranno sotto la guida di Ellison.

Oracle ha archiviato il primo trimestre, registrando guadagni per 2.2 miliardi di dollari, pari a 48 centesimi per azione, su un fatturato di 8.6 miliardi di dollari, in crescita del 3% rispetto a un anno fa. I ricavi da software e cloud sono saliti del 6% a 6.6 miliardi di dollari, mentre il fatturato da Saas e platform-as-a-service sono cresciuti del 32% a 337 milioni di dollari; quello da Infrastructure-as-a-service ha registrato un balzo del 26% a 138 milioni di dollari. Ma, poiché le vendite Hardware sono crollate dell’8% a 1,2 miliardi di dollari, Oracle deve accelerare sul cloud.

Ellison fondò la sua azienda nel 1977, come software house il cui prodotto di punta era il database relazionale omonimo. Nell’arco degli anni, il database si è evoluto ed è approdato all’attuale versione 12c. Ma tutta Oracle si è in verità trasformata, grazie a decine di acquisizioni strategiche, e da qualche anno propone anche sistemi ingegnerizzati, come le macchine Exadata. La formula magica di Larry Ellison consiste nell’integrare perfettamente hardware e software, in modo da sfruttare al massimo le caratteristiche di entrambe le componenti.

Larry Ellison, Ceo di Oracle, lascia il timone a Mark Hurd e Safra Catz
Larry Ellison, Ceo di Oracle, lascia il timone a Mark Hurd e Safra Catz

Di recente l’azienda dei database ha reso disponibile Oracle Solaris 11.2, una soluzione che accelera l’implementazione del cloud computing aziendale offrendo una piattaforma cloud efficiente, sicura, conforme, aperta e accessibile. Progettato per il cloud e profondamente integrato con Oracle Database, Java e Oracle Applications, Oracle Solaris 11.2 combina una completa distribuzione OpenStack, servizi di rete application-driven e definiti dal software (SDN), virtualizzazione a costo zero, disaster recovery a livello aziendale ed alta disponibilità con un sistema operativo di classe enterprise per semplificare e garantire la fornitura di servizi cloud ad elevate criticità. Oracle Solaris rappresenta un elemento strategico nei sistemi business di Oracle.

Lo scorso luglio, ha debuttato Oracle Linux 7, una distribuzione di Linux di livello enterprise, fondata sulla recente rinnovata distribuzione Red Hat Enterprise Liniux 7. L’ingresso di Oracle nella distribuzione Linux risale al 2006. Oracle Linux ora è al centro dei sistemi ingegnerizzati della classe Exa che guidano la formazione di punta dell’hardware server della società: stando alla società, hanno superato le 12 mila unità i clienti che usufruiscono del supporto di Oracle Linux oltra a quelli che fanno uso dei sistemi e ingegnerizzati.

Ma Ellison, che è anche notissimo fra i velisti grazie al catamarano Oracle che gareggia in Coppa America, ora lascia il timone ai nuovi Co-Ceo Mark Hurd (ex Hp) e Safra Catz.

– Leggi TechWeek Europe: Larry Ellison lascia il comando di Oracle

Conosci Oracle? Mettiti alla prova, rispondi al nostro quiz

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici