L’assistente virtuale di OVH vuol ridurre il disagio dei clienti

PCWorkspace
Facebook apre Messenger all'e-commerce

OVH presenta il suo assistente virtuale. Disponibile su Facebook Messenger e Slack, questa chatbot effettua un’analisi diagnostica dell’hosting e risponde a un determinato numero di quesiti con l’obiettivo di ridurre il disagio dei clienti che riscontrano problemi tecnici

Siamo in un’epoca in cui, secondo società di analisi e ricerca, le messaging App hanno superato i social network e, secondo dati Ogilvy 2017, ci sono più di 11 mila robot dentro Facebook messenger e più dell’80% dei marketing leader dichiarano di pianificare attività su chatbot e/o Intelligenza artificiale entro il 2020, a soli tre anni da oggi. Ed ecco che all’interno dello spazio OVH UX Labs dedicato all’R&D collaborativo e focalizzato sul miglioramento continuo dell’esperienza cliente, OVH presenta il suo assistente virtuale. Disponibile su Facebook Messenger e Slack, questa chatbot effettua un’analisi diagnostica dell’hosting e risponde a un determinato numero di quesiti relativi al servizio. Dobbiamo preoccuparci? Obiettivo dell’assistente virtuale è ridurre il disagio dei clienti che riscontrano problemi tecnici offrendo loro una diagnosi immediata nel caso in cui il servizio di hosting non funzioni o che ci sia un errore di configurazione.OVH

Tutto questo senza  dover rivolgersi al supporto o aprire un ticket. Per progettare in modo ottimale la chatbot, OVH si è concentrata sulle principali cause di richiesta di assistenza. Senza sorpresa, la prima è stata ‘il mio sito non funziona più’. Valutando in maniera più attenta questa categoria di chiamate, OVH ha identificato una serie di casi diversi: alcuni più semplici che possono essere diagnosticati in modo automatico, altri più complessi che richiedono lo sviluppo di un’intelligenza artificiale. Dai certificati SSL parzialmente configurati, ai problemi di configurazione DNS, passando dagli errori di connessione al database, questo assistente virtuale è in grado di identificare l’origine del malfunzionamento, ponendo alcune domande mirate

Le tecnologia utilizzata

Per permettere alla chatbot di comprendere le intenzioni dell’utente, è necessario un trattamento automatico del linguaggio naturale (Natural Language Processing). Il motore NLP prende la frase ed elimina le parole superflue per capire l’obiettivo avvalendosi di una sorta di catalogo. In effetti, affinché l’intelligenza artificiale funzioni è necessaria una prima fase di apprendimento che consiste nel fornire al motore esempi di frasi, correlandole all’intenzione corrispondente.OVH

Piattaforme di comunicazione

I canali scelti da OVH per comunicare con l’utente sono Facebook Messenger e Slack, le cui API richiedono l’accessibilità HTTPS, per motivi di sicurezza. L’assistente sarà costantemente arricchito con nuovi casi di utilizzo e quesiti a cui sarà così in grado di rispondere. Ma non solo: da ieri il codice del chatbot è diventato open source e quindi chiunque può aggiungere intenzioni e frasi supplementari.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore