NOTIZIE

LastPass_Piattaforma

LastPass e Xmarks, come mettere in sicurezza i propri account e dimenticare le password

LastPass consente di gestire tutte le proprie password e i dati più riservati, Xmarks sincronizza i vostri siti preferiti su tutti i device e si integra con Lastpass. Voi dimenticate per sempre le password e potete dormire sonni tranquilli

Per l’anno che sta per iniziare potreste regalarvi un pieno di sicurezza, ovvero gli strumenti per avere finalmente su ogni vostro account – online e non – userid e password (anche molto complesse) al sicuro, sempre perfettamente sincronizzate in cloud su ogni device online e offline, su qualsiasi piattaforma mobile e non. E’ quanto promette di fare (e realizza) LastPass, che da poco ha acquisito Xmarks. Xmarks è un sistema di memorizzazione in cloud di tutti i vostri siti preferiti, da tutti i vostri device, con relativa sincronizzazione in cloud. L’abbinata Lastpass e Xmarks consente in pratica di navigare e usufruire di tutti i servizi tramite userid e password dopo aver introdotto un’unica “master password”. Le vostre password e i vostri preferiti rimangono sempre sincronizzati in cloud, criptati (256-AES, con cifratura e decifratura sul pc, nessuno in Lastpass può accedere ai dati), secondo le vostre preferenze, e chi non si fida, può decidere comunque, per gli account più delicati di richiedere un’altra volta l’introduzione della password.

La soluzione LastPass, che è utilizzabile gratuitamente, ma nella versione più completa costa 12 dollari all’anno (con la formula software as a service) e 20 dollari se si acquista in bundle anche il servizio Xmarks. Non c’è limitazione nel numero dei device, il servizio prevede l’installazione di un plugin in ogni browser di laptop e desktop (è disponibile per tutti i browser più utilizzati e per Windows, Mac ma anche Linux), e l’installazione di un’app sui device (pensate che sono supportati perfettamente anche Hp WebOs, Symbian e Blackberry).

In ogni caso può essere utilizzata anche offline (all’atto del login viene depositata una copia completa del database in locale e se dovete fare un login offline a lastpass accederete all’ultima copia depositata e criptata), e soprattutto bisogna sapere che nel caso in cui non si possa installare il plugin o non si dispone della app, comunque, l’utente ha a disposizione tutte le caratteristiche del servizio anche semplicemente tramite un browser. Solo in questo caso ovviamente bisogna lavorare online. Se quindi siete in giro con iPod o smartphone o tablet senza connettività comunque potrete accedere al vostro portafoglio di dati per tutti i vostri account, anche quelli non legati a un sito web, come per esempio il numero di carta di identità, nonché un campo note in cui memorizzate quello che volete voi.

LastPass_Autocompilazione

Sembra una funzionalità resa disponibile da molte altre soluzioni. Basta usare Lastpass una volta per capirne le funzionalità infinitamente superiori. Per esempio è possibile condividere alcuni account con le persone più fidate, o addirittura scegliere con quale account usufruire dei servizi, in questo caso a fianco dell’asterisco compariranno dei piccoli numeri che indicano di quanti account disponete per quel servizio e quale scegliere

 

I vantaggi di Lastpass sono evidenti: il servizio è disponibile per qualsiasi piattaforma (mobile e non), dispone di app e plugin per i browser di qualsiasi tipo, si può utilizzare anche offline, è assolutamente sicura perché i dati in cloud sono criptati, l’utente può sempre eseguire un backup di riserva in formato CSV, e soprattutto quando si usufruisce dei servizi online e si ha attiva l’applicazione o il plugin, è LastPass stesso, per i siti che avete memorizzato, a suggerire con quale userid e password volete accedervi. Se per un sito avete più account, potrete scegliere fino all’ultimo momento quale di questi account volete utilizzare. LastPass con un asterisco nei campi user id e password vi aprirà un menu a tendina per farvi scegliere uno dei vostri account con cui fare login. Questa è un’opzione importante, perché in questo modo potete tenere facilmente traccia anche dei login di chi si affida a voi per una gestione di questo tipo (per esempio i famigliari). Non solo, è possibile persino condividere alcuni account con le persone cui volete dare la vostra fiducia, attraverso l’utilizzo di una chiave pubblica.

LastPass soprattutto ha risolto il problema molto frequente e diffuso di chi, sommerso dalle password, alla fine utilizza sempre la stessa. Il servizio ovviamente integra anche un sistema di generazione password, anche di elevata complessità. E voi non dovrete fare altro che integrarla nel vostro portafoglio LastPass. Se il plugin via browser  è attivo, quando Lastpass identifica un modulo di iscrizione propone esso stesso la generazione e la memorizzazione immediata della password, con i criteri che scegliete voi.

Lastpass_schermata iniziale

Così si presenta l’interfaccia di LastPass sul desktop. Quella mobile è completamente diversa pensata ad hoc, la vedete nello slideshow. E’ possibile memorizzare anche semplici note, così come portarsi l’applicazione su una chiavetta. Lastpass si può usare anche senza connessione internet o senza l’installazione di plugin e applicazioni

 

E’ davvero un’applicazione molto ben congegnata. I passi successivi dovrebbero prevedere la medesima perfetta integrazione anche via mobile, ivnece quest’ultima caratteristica, per esempio, manca ancora. Si può accedere ai siti con il login effettuato solo se vengono aperte le Url dall’applicazione stessa. E’ sempre possibile invece, addirittura senza entrare nel record in cui avete memorizzato userid e password chiedere al software, anche nella versione mobile, di copiare per voi la password per poi immetterla con il tipico copia e incolla, al momento dell’accredito.

In pratica, aprite Lastpass, cercate il nome del sito in cui dovete loggarvi, senza accedere ai dati memorizzati il software propone le opzioni Copia utente, Copia Password, Edita il record, Elimina. Voi scegliete Copia password e siete pronti per il login sul sito, senza nemmeno avere visto qual è la password e senza doverla ricordare.

LastPass iOs

LastPass su iOs, in questo caso è evidenziata la funzione di ricerca dell’account. Da qui potrete accedere al sito senza dover reintrodurre user id e password e senza uscire dall’applicazione

 

Xmarks, da poco acquisita da LastPass, vi consente di effettuare l’ultimo passaggio. Ovvero navigare liberamente, senza dover pensare nemmeno alla ricompilazione dei form, su qualsiasi device e piattaforma. Molto meglio quindi di quanto consentano di fare fino ad oggi le soluzioni mobile proposte dai più blasonati vendor di sicurezza. Il primo scopo di Xmarks è però quello di tenere per voi sincronizzati e allineati i vostri Preferiti, i Bookmark, su tutti i vostri dispositivi. Il servizio di sincronizzazione vi permette di scegliere se per ogni dispositivo da cui attingete i preferiti volete procedere con una sincronizzazione in merge, sulla cloud o dare una qualche altra priorità. Poi sarà comunque disponibile un servizio di deduplica per i siti che compaiono due o più volte.

Se pensate che il servizio faccia al caso vostro ma utilizzate già un altro sistema, non preoccupatevi. Lastpass importa dati da Internet Explorer, Firefox, RoboForm, 1Password, KeePass, MyPasswordSafe, Password Agent, Password Safe, Sxipper, PassPack e TurboPasswords.

 

Mario De Ascentiis
Autore: Mario De Ascentiis
Editor
Mario De Ascentiis Mario De Ascentiis Mario De Ascentiis Mario De Ascentiis

I contenuti di Itespresso.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

avast! Antivirus

Più di 200 milioni di persone hanno fiducia in avast! per proteggere i loro dispositivi - più che ogni altro antivirus. Ed è ancora migliorato. Scaricalo ora!

Commenti




0 Commenti su LastPass e Xmarks, come mettere in sicurezza i propri account e dimenticare le password

Lascia un Commento

  • I campi obbligatori sono contrassegnati *,
    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>