L’Authority Privacy della Sud Corea indaga sul tracciamento di iPhone e iPad 3G

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSorveglianza

L’Authority delle comunicazioni della Sud Corea investigherà per determinare se Apple violi la normativa sulla privacy nazionale oppure no

La Sud Corea vuole vederci chiaro nel caso di collezione dati, all’insaputa degli utenti, ad opera dello smartphone e del tablet di Apple. Il “giallo” dell’iPhone e dell’iPad 3G, che potrebbe essere anche dovuto a un bug, non è sfuggito al paese dove ha sede Samsung. Com’è ormai noto da giorni, la raccolta silente dei dati avverrebbe “all’insaputa dell’utente” e soprattutto senza cifratura dei dati; inoltre altro fatto di cui sono accusati iPhone e iPad 3G è facile accessibilità a questi dati, soprattutto in caso di furto. L’Authority delle comunicazioni (Korea Communications Commission) della Sud Corea vole indagare per determinare se Apple violi la normativa sulla privacy nazionale oppure no. La Korea Communications Commission ha chiesto a Apple quanto spesso le informazioni vengono collezionate e salvate, e se gli utenti dispongono di una possibilità di scelta su quanto salvato oppure cancellato. Apple dovrà spiegare alla commissione del paese del sud-est asiatico perché questi dati vengono salvati sui suoi devices e se sono immagazzinati o archiviati sui suoi server.

Mentre Samsung e Apple sono in causa per via di denunce e controdenunce di violazioni di brevetti, la Sud Corea, il paese originario di Samsung, investiga sulla collezione dati da arte di iPhone e iPad 3G. Ma in realtà l’attività “occulta” di iPhopne e iPad sono sotto esame anche da parte dei Garanti Privacy di Francia, Germania e Italia. Lo riporta Bloomberg.

Finora sappiamo che il sistema operativo iOS 4 per iPhone e iPad 3G mantiene i log delle coordinate latitudine-longitudini e del tempo della visita, secondo uno studio svolto da due ricercatori di O’Reilly Media. Per quanto è dato a sapere fino ad oggi, pare che i dati non vengano inviati a Cupertino, ma lo scopo della raccolta è quello di mettere dati a disposizione delle apps per servizi di geolocalizzazione. I pedimenti via geolocalizzazione potrebbero riguardare anche tutti i dispositivi Android. Però Apple avrebbe una finestra di cronologia aperta di oltre un anno. Se sarà confermato che si tratta di un bug, verrà risolto nel prossimo aggiornamento di iOS. Ma con i Garanti Privacy UE e Sud coreano non sarà sufficiente un update per calmare le acque.

Secondo un recente studio di ComScore in Europa il numero di utenti di iOS è il doppio di quello di Android. Ma in questo studio sono conteggiati anche gli iPod Touch.

iPad 3G e iPhone tracciano ed archiviano i movimenti degli utenti?
iPad 3G e iPhone tracciano ed archiviano i movimenti degli utenti?
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore