Le acquisizione software aiutano Ibm

AziendeMercati e Finanza

Il terzo trimestre oltrepassa le previsioni

Il terzo trimestre di Ibm batte le aspettative, trainato dalle acquisizioni nel mercato del software. L’espansione del portafoglio software presenta infatti margini più alti di profitto. Gli utili sono saliti a 2.22 miliardi di dollari, o 1,45 dollari per azione, rispetto a 1,52 miliardi di dollari, pari a 94 centesimi per azione, dello stesso trimestre di un anno fa. I profitti di Ibm sono cresciuti del 15%, esclusi i carichi. Anche il fatturato è salito a 22.6 miliardi di dollari, contro 21,5 miliardi di dollari di un anno fa:le vendite dell’unità software si sono attestate a quota 4.41 miliardi di dollari con un incremento dell’8,5%. Dall’inizio del 2003 Sam Palmisano ha speso 11.4 miliardi di dollari in 50 acquisizioni, ma questi accordi sono stati lungimiranti e hanno aumentato la profittabilità di Ibm in segmenti a elevati margini di crescita nell’industria It.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore