Le acquisizioni nell’agenda di Lenovo

AcquisizioniAziende
Lenovo vuole acquisire vendor per crescere

Lenovo vuole crescere sia nel mercato Pc che in quello Mobile (tablet e smartphone). Le mosse del vendor cinese non disdegnano l’M&A

Il colosso cinese del mercato Pc, Lenovo, stando a nuove indiscrezioni, potrebbe prendere in esame l’idea di mettere mano al portafoglio per effettuare acquisizioni. Lo riporta Bloomberg, rilanciando l’ipotesi di un nuovo round di M&A nel mercato Pc, dopo le acquisizioni del decennio scorso. Lenovo vuole crescere, ma anche espandersi nel mercato dei dispositivi mobili, nell’anno del sorpasso del Mobile sul mercato Pc. Il Ceo Yang Yuanqin, in una conversazione telefonica da Pechino,  ha detto che ogni area in cui Lenovo è debole offrirà la sponda a possibilità di acquisizioni. Mentre Lenovo allunga il passo su Hp, che detiene lo scettro del mercato Pc, valuta la possibilità di acquisire per colmare il gap con gli avversari.

In Cina Lenovo ha superato Apple al secondo posto nella vendita di smartphone nell’ultimo trimestre (chiuso a giugno), ma ora si appresta a introdurre 40 modelli. Lenovo è entrata nel mercato smartphone due anni e mezzo fa in Cina, ma ora sta per debuttare in India e Filippine: in un paio di trimestri il business della telefonia passerà dal rosso agli utili, promette il Ceo. La società di analisi Yuanta Securities  ricorda che il mercato Mobile (smartphone e tablet) è fondamentale per crescere in un periodo di debolezza del mercato Pc. Il titolo di Lenovo ha guadagnato il 26% da inizio anno, e il colosso cinese vuole continuare a crescere, come negli ultimi sri anni, dopo aver acquisito il business dei Pc da IBM nel 2005. Ma ora Lenovo vuole accelerare per avere un ciclo prodotti più rapido della concorrenza: già a IFA 2012 ha mostrato modelli di IdeaPad e IdeaCentre varie fasce di prezzo, ma Lenovo vuole un portafoglio ancora più ampio.

A poche ore dalla diffusione della speculazione, priva di conferme, di un’eventuale acquisizione di Asus verso Acer, la prestigiosa agenzia nord-americana azzarda che l’M&A potrebbe essere il piatto forte del mercato Pc non solo a Taiwan (dove Acer e Asus hanno sede), ma anche in Cina. In un anno duro del mercato Pc, sconquassato dal lancio dei tablet e dalla crisi dei debiti in Europa, mentre i vendor si sfidano a IFA 2012 a colpi di tablet e ibridi Windows 8, la nuova edizione touch del sistema operativo di Microsoft che arriverà a scaffale a fine ottobre, le acquisizioni rappresentano un’opportunità di crescita per i vendor più aggressivi del settore.Anche perché l’effetto Windows 8 si vedrà soprattutto a partire dal 2013.

Anche per Lenovo le acquisizioni potrebbero rivelarsi una strategia-chiave, secondo BOCI Research, sia in Europa che in America o in Giappone. Nel primo trimestre i profitti di Lenovo sono cresciuti del 30% a quota 141.4 milioni di dollari, battendo le stime degli analisti. In un periodo difficile del mercato laptop, Lenovo ha venduto più Thinkpad con un incremento del 15% (contro la flessione dello 0,1% del resto dei vendor del mercato Pc). Così Lenovo ha agguantato il 14.7% di market share del mercato Pc, tallonando Hp al 14.9% (fonte: Gartner). E se le vendite di Pc saliranno solo dello 0.9% nel 2012 fino a totalizzare 367 milioni di unità, il mercato tablet mette a segno un ruggente incremento del 54% a 107 milioni di unità, e il mercato smartphone stima un balzo del 39% a quota 686 milioni di pezzi (Fonte: Idc).

Lenovo vuole acquisire vendor per crescere
Lenovo vuole acquisire vendor per crescere
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore