Le apps di messaging sono interessate al mondo delle banche

E-paymentMarketing
Per 7 italiani su 10 più la banca è hi-tech, più è sicura
1 3 Non ci sono commenti

Il retail banking evolve nell’era di Whatsapp e WeChat. Secondo Flurry, le applicazioni di messaging hanno una vita 5.6 volte superiore alle altre. Le apps di messaggistica verso il retail banking

Come negli anni ’90 le Telco entrarono nel business delle carte di credito oggi le apps di messaging – sempre più popolari – si interessano al mondo delle banche. WeChat della cinese Tencent ha ampliato i servizi di pagamento, mentre Xiaomi ha introdotto un account fruttifero per i pagamenti.

Il retail banking evolve. Da un recente studio condotto da Goldman Sachs, emerge che il 33% dei Millennials crede che nel giro di 5 anni non avrà più necessità di una banca tradizionale.

Analisi di Flurry sulle apps di messaggistica
Analisi di Flurry sulle apps di messaggistica

Secondo la ricerca svolta da Flurry, la retention rate delle app di messaggistica sorpassa la media di ogni altra app. L’uso delle app di messaging, infatti, è 1.9 volte superiore alla media di utilizzo di altre app in un mese e di 5.6 volte superiore nell’arco di tempo di un anno. Per retention si intende l’utilizzo dell’app nei mesi successivi all’installazione da parte dell’utente.

Le app di messaging, in media, vengono impiegate almeno 9 volte al giorno e il loro utilizzo quotidiano risulta 4.7 volte superiore a quello di ogni altra app. Le app di comunicazione sullo smartphone sono sul podio anche in termini di frequenza d’uso.

flurry_messaging_banking_2La ricerca, datata inizio 2014, mostrava che l’anno scorso sarebbe stato un anno cruciale per le app di messaggistica, che avrebbe determinato se sarebbero rimaste indipendenti o sarebbero diventate una piattaforma per altri servizi mobile. Allora, non era chiara l’evoluzione. Ma, dopo un anno, possiamo confermare che le applicazioni di messaggistica hanno compiuto il salto per diventare la piattaforma per molti servizi, a partire dai pagamenti mobili (m-payment) e molto probabilmente per finire con l’e-commerce. La messaggistica è ormai la piattaforma del mobile: la fedeltà del cliente è la sua moneta corrente. Non stupisce dunque che oggi il messaging si diriga verso il retail banking.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore