Le batterie infiammabili dividono Toshiba e Sony

Aziende

Anche Sharp intanto decide per il ritiro delle batterie Sony

C’è una nuova azienda a richiamare le batterie di Sony: è Sharp che ritira batterie per notebook prodotte da Sony e impiegate in portatili di varie marche. Dopo Apple, Dell, Toshiba, Fujitsu, Lenovo-IBM e Hitachi, tocca a Sharp a richiamare 28.000 computer per la sostituzione delle batterie. Ma è Toshiba l’azienda che si sta dimostrando più combattiva contro Sony: il colosso nipponico infatti potrebbe chiedere un risarcimento a Sony per danni all’immagine e per perdita di potenziali clienti, a causa della pubblicità negativa causata del ritiro dal mercato delle batterie incendiarie. I costi del richiamo sono tutti a carico di Sony (finora sono stati calcolati del valore di 250 milioni di dollari per oltre 7,70 milioni di batterie ritirate), ma Toshiba non si accontenta e si prepara a dare battaglia contro Sony per il danno all’immagine del suo marchio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore