Le grandi iniziative normative 2003 all’insegna dell’ICT

AccessoriWorkspace

Nel 2004 troveranno applicazione importanti provvedimenti legislativi che
hanno disciplinato materie fondamentali per il cambiamento tecnologico del
nostro paese.

FOGGIA. Nell’ambito della politica di innovazione tecnologica digitale attuata o avviata nel 2003 per la crescita del nostro Paese non pochi sono stati gli interventi normativi di una certa rilevanza che hanno dato e daranno un contributo decisivo al progresso tecnologico dell’Italia. La firma elettronica, l’e-commerce, la protezione dei dati personali, il protocollo elettronico e la gestione elettronica documentale sono questi i settori principali che sono stati disciplinati nel corso dell’anno e che molto probabilmente necessiteranno nell’anno nuovo di ulteriori interventi chiarificativi e correttivi. Il 2003 e’ stato un anno importante non solo per gli indubbi progressi di carattere tecnologico che hanno contraddistinto il nostro paese nell’ambito della prima fase di e-government, ma anche e principalmente per i fondamentali interventi normativi che hanno svolto un ruolo decisivo per dare una svolta ICT al nostro paese. Innanzitutto il 14 aprile 2003 e’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 87 il Decreto Legislativo n. 70 del 9 aprile 2003 che ha dato attuazione alla direttiva n. 2000/31/CE relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società dell’informazione nel mercato interno, con particolare riferimento al commercio elettronico. Il 17 giugno 2003, invece, e’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 138 il D.P.R. n. 137 del 7 aprile 2003 contenente il regolamento recante disposizioni di coordinamento in materia di firme elettroniche a norma dell’articolo 13 del decreto legislativo 23 gennaio 2002, n. 10. Il provvedimento, nel rispetto di quanto prescritto dalla direttiva europea 1999/93/CE ed attraverso un intervento integrativo e sostitutivo di diverse norme del D.P.R. 445/2000 ha disciplinato in maniera più dettagliata le c.d. firme elettroniche nelle quali ovviamente rientra anche la nostra firma digitale e liberalizzato l’attività di certificazione attraverso la riconfigurazione di nuovi servizi di certificazione e la fissazione dei requisiti necessari per lo svolgimento dell’attività dei certificatori. Il 29 luglio del 2003 e’ stato poi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 il d.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 che ha adottato il Codice in materia di protezione dei dati personali meglio noto come T.U. sulla privacy. Il codice e’ entrato in vigore il 1 gennaio 2004 ed il suo obiettivo principale e’ quello di consentire l’introduzione di integrazioni e modifiche di coordinamento o finalizzate alla migliore attuazione della disciplina vigente, anche in settori, come quelli relativi alle attività giudiziarie e di polizia, nei quali e’ avvertita l’esigenza di completare il percorso previsto dalle leggi delega che si sono succedute dal 1996 ad oggi (leggi nn. 676/1996, 344/1996 e 127/2001 in base ala quale e’ stato redatto il Codice). Inoltre il 25 ottobre 2003 e’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 25 ottobre 2003 il Decreto del Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie del 14 ottobre 2003 che ha approvato le linee guida per l’adozione del protocollo informatico e per il trattamento informatico dei procedimenti amministrativi. Lo scopo delle linee guida e’ stato quello di contribuire a creare, fornendo un quadro unitario ed aggiornato, le condizioni organizzative, funzionali e tecnologiche per la progettazione, la realizzazione, lo sviluppo e la revisione dei sistemi informativi automatizzati al fine di avviare, entro l’ anno 2003 e quindi dal 1° gennaio 2004, il protocollo informatico e gestire i procedimenti amministrativi in modo elettronico.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore