Le Major rispondono a AllOfMp3

AccessoriWorkspace

Botta e risposta tra i colossi della discografia e il juke-box russo

Nei giorni scorsi AllOfMp3, il sito russo che vende MP3 a prezzi stracciati e senza pagare i diritti d’autore, aveva accusato le case discografiche e gli Stati Uniti di essere dei Matusalemme della tecnologia, sostenendo al contempo di essere nel pieno diritto di portare avanti la propria attività. La risposta del IFPI, l’organizzazione che rappresenta i discografici nel mondo, non si è fatta attendere. Secondo le major AllofMp3 sta agendo in piena illegalità e non rispetta le leggi sul copyright vigenti in ogni parte del mondo, ivi compresa la legge russa. L’ente non ha usato mezzi termini nel definire il sito un’organizzazione di “pirati” che sta cercando in con ogni mezzo di violare la legge. Ora la palla passa alle autorità russe che dovrebbero far rispettare il diritto d’autore in maniera un po’ più seria…

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore