Le "mosche" di Business Software Alliance

Aziende

Una campagna di direct mailing, rivolta alle Pmi e agli operatori del settore informatico per ricordare alle aziende italiane di rispettare il valore della proprietà intellettuale

Apri la busta e ti cade in mano … una manciatina di mosche. Non preoccupatevi sono di carta, ma lo scopo è chiaro: “cosa vi resta se vi copiano il vostro prodotto migliore? Un pugno di mosche!” E’ la secca risposta di Bsa. Tutelarsi dalla copia illegale, quindi, è una forma di legittima difesa. Questo il leit-motiv sviluppato da Business Software Alliance nelle campagne di direct mailing visibili su www.bsa.org/italia/events, appena realizzate dall’agenzia Mph, con l’obiettivo di sensibilizzare le aziende al rispetto della proprietà intellettuale. Il messaggio punta a suscitare un forte impatto emotivo, facendo leva sul tradizionale orgoglio italiano di essere la “patria della creatività” e cavalca un tema di grande attualità: la protezione dei prodotti e delle idee italiani dalla copia abusiva e dalla contraffazione che avvengono nei mercati terzi. Come possiamo, noi italiani, lamentarci della falsificazione e della copia illegale subita dai nostri prodotti quando il tasso medio di pirateria dei programmi informatici nel nostro Paese è stimato intorno al 49 per cento?

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore