Le novità di Adobe nel mercato video e media dinamici

Management

Arrivano la beta pubblica di Adobe Story e Adobe Flash Access 2.0. I nuovi software offriranno a broadcaster e media company flussi di lavoro completi ed integrati.

Nel corso di IBC 2009, Adobe ha presentato i software di nuova generazione per l’area video e media dinamici, che offriranno a broadcaster e media company flussi di lavoro completi ed integrati.

Fra le novità, le più importanti sono la beta pubblica di Adobe Story , un

nuovo strumento per lo sviluppo collaborativo di script online e offline,

che copre le fasi di pianificazione e pre-produzione video, e il software

Adobe Flash Access 2.0: una soluzione per la protezione dei contenuti che

abilita la distribuzione e la monetizzazione di contenuti di alta qualità

grazie ai quali gli editori multimediali possono realizzare nuovi flussi

di fatturato.

Adobe Story, che avvia la fase di pianificazione e pre-produzione dei flussi di lavoro video, sarà integrato con gli altri prodotti Adobe, comprese le future versioni della famiglia di prodotti Adobe Creative Suite. Appositamente sviluppato per realizzare flussi di lavoro più efficienti per la produzione video e per ridurre al tempo stesso i costi di produzione, Adobe Story trasforma automaticamente i contenuti della sceneggiatura nei relativi metadati utilizzabili nel flusso di produzione video digitale di Adobe. “Broadcaster e media company sono oggi alla ricerca di flussi di lavoro per la produzione video capaci di trasformare la creazione e la fruizione dei contenuti”, ha affermato Paolo Motta, Head Media & Entertainment di Adobe. “Grazie alla capacità di acquisire le informazioni relative alla sceneggiatura durante la fase di preproduzione, Adobe Story offre a queste imprese uno strumento rivoluzionario in grado di razionalizzare i flussi di lavoro della produzione video riducendone i costi complessivi e rendendo più interessante e interattivo l’intrattenimento”. Con Adobe Story le persone che partecipano al progetto dispongono di un ricco ambiente visivo nel quale condividere in qualunque momento le idee. Gli utenti possono creare una sceneggiatura da zero ricorrendo alla formattazione di Adobe Story basata su standard di settore. È anche possibile importare in Adobe Story sceneggiature provenienti da applicazioni differenti, come Microsoft Word o Final Draft o esportarle in formati Adobe PDF, testo, XML, Movie Magic e CSV. Chi collabora al progetto può impiegare Adobe Story per lavorare sia online, sia offline e sincronizzare automaticamente input e commenti non appena si collegano a Internet. Durante questa fase, il software cattura automaticamente i metadati relativi alla location di una scena o ad altre informazioni utili realizzando un flusso di lavoro più efficiente e completo

Adobe Flash Access sarà commercializzato a partire dalla prima metà dell’anno 2010. Adobe Flash Access 2.0, componente chiave di Adobe Flash Platform, già nota con il nome di Adobe Flash Media Rights Management Server, è la nuova soluzione per la protezione dei contenuti Flash Access 2.0, sufficientemente scalabile e flessibile per consentire la distribuzione e la monetizzazione di contenuti di alta qualità che permetteranno agli editori multimediali di accedere a nuovi flussi di fatturato. Quale novità dell’attuale edizione, i contenuti protetti con Flash Access 2.0 potranno essere riprodotti in totale sicurezza con la prossima versione del software Adobe Flash Player, il plug-in per browser multipiattaforma installato sul 98% dei computer desktop equipaggiati di connessione a Internet. Adobe Flash Access 2.0, il cui rilascio è previsto per l’inizio del prossimo anno, offriràsolide capacità di protezione dei contenuti audiovisivi e consentirà di utilizzare regole per supportare una vasta tipologia di modelli di business, tra i quali il commercio elettronico, il noleggio e il video ondemand accessibili in streaming o tramite download.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore