Le partnership di RIM potrebbero fare la differenza

AziendeMarketing
L'exit strategy di Blackberry

A RIM servono un buon programma di partnership e reciproco rispetto. Questa sarebbe un’alleanza che davvero aiuta il vendor del Blackberry

Research In Motion (RIM) dovrebbe pensare a cercare partner strategici per il BlackBerry, per il lancio dei nuovi smartphone. Lo ha detto il miliardario canadese Terry Matthews, fondatore di Newbridge Networks.Siglare alleanze e partnership è importante perché aiuterebbe RIM ad investire in ricerca e a generare ricavi: “Il Partnering fa parte del DNA di un’azienda“. A RIM servono un buon programma di partnership e reciproco rispetto: così l’alleanza farebbe la differenza.

Il CEO di RIM, Thorsten Heins, si è già seduto a vari tavoli con i vertici di altri colossi per discutere di licenze software e partnership. L’azienda canadese di Waterloo è consapevole di diver rinvigorire la domanda dei BlackBerry, mentre perde market share a vantaggio di Apple iPhone e Google Android.

Dopo il crollo del 46% da inizio dell’anno, il titolo di RIM è tornato a gudagnare: ieri il 4.6%, per il quinto rialzo consecutivo. Merito del Blackberry 10 OS: il nuovo “assaggio” di BB10 ha mostrato progressi, che sono piaciuti agli analisti; inoltre, l’ultima trimestrale, meno peggio del previsto, ha dimostrato la resistenza del Blackberry sul mercato. Ciò dimostra che RIM può arrivare, senza ansia e senza il fiato sul collo, al debutto dei nuovi Blackberry a inizio 2013. Ma se arrivare a questa data con nuovi partner, per RIM sarebbe ancora meglio. Com’è noto, in pole per allearsi con RIM sono Microsoft (già partner di RIM per Bing e Office).

Cosa sai degli smartphone BlackBerry? Scoprilo con un QUIZ!

blackberry-10_2

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore