Le PMI promuovono la collaborazione con strumenti social esterni

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Lexmark denuncia il tempo speso in attività manuali improduttive. Più IT per far aumentare la produttività in azienda
0 6 Non ci sono commenti

Microsoft rivela che le PMI sono più favorevoli all’uso di strumenti enterprise social per promuovere la collaborazione sul posto di lavoro

In occasione della Worldwide Partner Conference, è stato rilasciato uno studio Microsoft-Ipsos che rivela che le PMI sono più favorevoli all’uso di strumenti social esterni per promuovere la collaborazione sul posto di lavoro. I partner possono vendere strumenti enterprise social a PMI e grandi aziende.

Le grandi aziende e le PMI utilizzano gli strumenti social per il business per abilitare la collaborazione e la comunicazione aziendale, come intranet, videoconferenze e social network in modo differente. Dallo studio, condotto dalla società di ricerca Ipsos su un campione di quasi 10.000 utenti appartenenti a PMI e grandi aziende in 32 Paesi diversi, emerge che, oltre a utilizzare soluzioni come intranet e messaggistica istantanea, le PMI sono più propense ad usare molteplici strumenti social esterni per scopi professionali. Nelle grandi aziende, invece, sono minori gli strumenti di collaborazione adottati.

Le tecnologie di social collaboration rappresentano un’opportunità in crescita per i partner in virtù della grande  domanda da parte degli utenti finali sia di grandi aziende che di PMI “, ha dichiarato Jon Roskill, Corporate Vice President, Worldwide Partner Group di Microsoft. “In ogni caso, ciascun segmento utilizza queste tecnologie in modo diverso, con le PMI che puntano su public FTP/cloud storage, social network esterni, piattaforme di blogging, e le grandi aziende che, al contrario, preferiscono chiaramente le intranet, i team site e le videoconferenze. Queste differenze rappresentano un’opportunità imperdibile per i partner e ci stiamo impegnando per aiutarli a capitalizzare il potenziale di quest’area. Siamo convinti che Microsoft disponga delle competenze, del portfolio e della visione necessari per trasformare in realtà il futuro della collaborazione sul posto di lavoro“.

Sia nelle grandi aziende che nelle PMI, gli strumenti social sono principalmente utilizzati per la comunicazione tra colleghi (7 su 10 utenti finali del campione totale), invece nelle aziende più piccole tali strumenti vengono impiegati per svolgere una più ampia gamma di attività: la comunicazione con consumatori, clienti o fornitori e la ricerca di consumatori, clienti e concorrenti. Gli utenti finali delle grandi aziende utilizzano invece gli strumenti social per trovare un esperto o un’informazione all’interno della loro azienda.

Ostacoli all’adozione, sia nelle grandi aziende che nelle PMI, sono rappresentati da: sicurezza (71% degli utenti finali delle grandi aziende contro il 60% di quelli delle PMI); calo della produttività (58% nelle grandi aziende vs. 59% nelle PMI) vengono identificati come i rischi principali.

Nelle grandi aziende i reparti IT possono rappresentare una barriera all’utilizzo degli strumenti social (41% nelle grandi aziende contro il 36% nelle PMI). Nelle grandi aziende è più probabile che l’utilizzo degli strumenti social sul posto di lavoro sia regolamentato per preoccupazioni legate all’immagine aziendale (27% contro 21% nelle PMI) o alla perdita di dati (25% nelle grandi aziende contro 22% nelle PMI).

La consumerizzazione dell’IT ha cambiato le fondamenta della comunicazione aziendale e gli strumenti enterprise social sul posto di lavoro seguono ora un modello ‘bring your own device“, ha dichiarato Rebecca Sizelove, Associate Vice President, Ipsos Public Affairs. “Tuttavia, esistono differenze sostanziali nel modo in cui le PMI e le grandi aziende utilizzano questi strumenti, e gli IT decision maker necessitano ancora di formazione per comprendere appieno i potenziali vantaggi di questi strumenti social. Ciò determina un’opportunità per i fornitori IT che possono diffondere consapevolezza su questi strumenti e venderli ad aziende di qualsiasi dimensione“.

PMI: favorevoli a strumenti social esterni per promuovere la collaborazione sul posto di lavoro
PMI: favorevoli a strumenti social esterni per promuovere la collaborazione sul posto di lavoro
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore