Le potenzialità dei web services

NetworkProvider e servizi Internet

Un fenomeno in crescita ormai quello dei web services che rappresentano il vero futuro dell’e-business.

Secondo l’ultima ricerca della Idc sul mercato dei Web services, l’Europa Occidentale dominerà nei prossimi anni il segmento dell’e-business che poggia sul computing distribuito. Nell’area geografica in questione, il mercato complessivo (quindi comprensivo di hardware, software e servizi) dei Web services toccherà nel 2007 i 7,8 miliardi di dollari contro gli attuali 108 milioni di dollari. Sarà il settore corporate a registrare il maggiore incremento, distribuendosi al proprio interno lungo la stragrande maggioranza delle tipologie e delle dimensioni aziendali. E’ nata di recente e sembra ormai costituire il futuro dell’e-business: si tratta della nuova tecnologia dei web services che altro non sono che nuove soluzioni tecniche che impiegano standard Internet per integrare le applicazioni e rendere così disponibili tante funzionalità in modalità standardizzata. Per essere più precisi un web service è un componente software accessibile attraverso protocolli e tecnologie standard di Internet che consente l’accesso a servizi di business realizzati nel “back end” da altri componenti software. Con i web services è possibile “urbanizzare” la rete con connettori standard Xml in modo da consentire l’interazione fra applicazioni con lo stesso livello di facilità con cui avviene l’interazione via web. Grazie ai web services sarà quindi possibile migliorare la raccolta, l’utilizzo e la condivisione delle informazioni ed erogare servizi via web, abbassando i costi di gestione. Queste, del resto, sono le ragioni dei sempre più ingenti investimenti delle aziende per ottimizzare la propria efficienza, collegando e facendo interagire le varie applicazioni interne e per integrare le proprie tecnologie con le applicazioni di partner e clienti. Indubbiamente questa tecnologia è sorta inizialmente per facilitare l’e-commerce e difatti una delle caratteristiche più interessanti dei web services è la possibilità di utilizzarli per comunicazioni e scambi di informazioni automatici: non interazione tra persona e applicazione (come avviene nella navigazione sul web) bensì interazione tra applicazioni. La descrizione formale e standardizzata dei servizi web, infatti, consente la ricerca e l’utilizzo dei web services senza richiedere necessariamente l’intervento umano. Ad esempio, un agente software potrebbe essere istruito per svolgere un determinato compito utilizzando automaticamente un servizio web; altrettanto automaticamente, l’agente potrebbe interrogare un repertorio di servizi web per cercare altri servizi di cui avesse bisogno. [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore