Le prime schermate di Windows 8

ManagementMarketingSistemi OperativiWorkspace

Gli OEM hanno ricevuto il codice d’anteprima di Windows 8 per testarlo sui Pc dei vendor. Per la cronaca si tratta di Milestone 3 del sistema operativo di Microsoft. Lascia Microsoft Mich Matthews

Le build interne di Windows 8 stanno circolande e il codice di Microsoft Eight è già stato consegnato agli OEM (via Microsoft Connect) per testarlo sui Pc. Per la cronaca si tratta di milestone 3 di Windows 8, decisamente una pre-beta. Microsoft ha iniziato il coding di questa versione preliminare a febbraio. Windows 8 è il sistema operativo sia desktop che tablet di Microsoft, destinato a girare anche su chip Arm e corredato di Windows application store.

Dalle screen shots già finite su vari siti, si osserva History Vault, che viene descritto affine al back up Time Machine di Mac OS X. Esiste anche una funzionalità system-reset che permette il reset della propria macchina e mantiene in serbo i propri data per l’inevitabile giorno in cui il proprio Pc Windows inizia a rallentare. Le indiscrezioni, inoltre, parlano di due interfacce: un’interfaccia utente tale-based e touch-centrica (nota come MoSH per Modern Shell) e un modello di application programming nome in codice Jupiter per scaricare le prossime Windows apps da Microsoft Marketplace. Per la cronaca: Windows Phone 7 Marketplace ha raggiunto il traguardo di 12.000 applicazioni Web, con 3.000 apps aggiunte nel solo mese di marzo.

Ma il codice delle build è stato “contrassegnato” in modo che si riconosca chi mette online le schermate che dovrebbero rimanere private: build di Windows 8 sono “Red Pill”, il che significa che possono essere scaricate solo da certi individui al Microsoft campus. In teoria Microsoft potrebbe revocare il contratto a chi viola il patto di segretezza.

Windows 8 avrà come default browser Internet Explorer 10, il successore dell’attuale 9. La beta dell’erede di Seven è attesa alla PDC di settembre, mentre il debutto è atteso al Ces  2012 di Las Vegas di gennaio. Ma non c’è nulla di certo: neanche è stato confermato che “Windows 8” sia il nome del prossimo Windows, come sottolinea Mary Jo Foley di ZdNet. L’unica cosa sicura è ciò che Steve Ballmer ha illustrato all’ultimo Ces: la fine di WinTel, l’apertura ai chip Arm e l’application store per Windows.

Infine lascia Mich Matthews, il capo del marketing di Microsoft, dopo 22 anni e 7 lanci di Windows desktop ( Windows 95, Windows 98, Windows 98 ME, 2000, XP, Vista e Windows 7).

Windows 8
Windows 8 anche per tablet con chip Arm
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore