Le regole per firme elettroniche si uniformano nella UE in vista del mercato unico digitale

E-commerceMarketingNetwork
La Commissione europea, presieduta da Junker, ha messo a punto la squadra dei Commissari. Obiettivo: il mercato unico digitale

La Commissione europea si avvia verso il mercato unico digitale, creando le premesse per uno spazio comune per le firme elettroniche. Le proposte della Commissione europea

La Commissione europea ha messo sul tavolo l’ipotesi di nuove norme per regolamentare le transazioni elettroniche transfrontaliere, in modalità sicura. Cittadini e imprese potranno usufruire dei loro regimi nazionali di identificazione elettronica per accedere ai servizi pubblici negli altri paesi della UE. Il regolamento punta a realizzare un mercato interno per le firme elettroniche e i servizi fiduciari online connessi, che opereranno cosi’ attraverso le frontiere con lo stesso valore legale dei processi tradizionali su base cartacea.
La Commissione europea si avvia verso il mercato unico digitale, creando uno spazio comune per le firme elettroniche.

Questa non e’ fantascienza“, ha spiegato un portavoce della Commissione europea spiegando che questi servizi “gia’ esistono e funzionano” e adesso si tratta di renderli accessibili a livello transfrontaliero e di standardizzarli.

Occorre che i cittadini e le imprese possano trattare nell’ambito di un mercato unico digitale senza frontiere, perche’ e’ questo il valore di Internet – ha illustrato  il commissario Ue per l’Agenda digitale, Neelie Kroes –. Anche la certezza del diritto e la fiducia sono essenziali e per questo occorre un regolamento piu’ completo sulle firme elettroniche e sull’identificazione elettronica”. ”Questa proposta consente ai cittadini che dispongono di una eID di trarne il massimo vantaggio” ha concluso Kroes.

UE: verso un mercato unico digitale
UE: verso un mercato unico digitale
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore