Legami sempre più stretti tra Ibm e Red Hat

Aziende

La forte spinta di Ibm all’utilizzo di Linux su soluzioni basate sul proprio processore Power ha portato a un consolidamento e allargamento della partnership tra Big Blue e Red Hat e le due aziende hanno annunciato che per i clienti sarà possibile acquistare server Ibm, che implementano il processore Power, comprensivi del sistema operativo Red

La forte spinta di Ibm all’utilizzo di Linux su soluzioni basate sul proprio processore Power ha portato a un consolidamento e allargamento della partnership tra Big Blue e Red Hat e le due aziende hanno annunciato che per i clienti sarà possibile acquistare server Ibm, che implementano il processore Power, comprensivi del sistema operativo Red Hat Enterprise Linux godendo del relativo supporto. Fino ad oggi il sistema operativo era ovviamente supportato, ma doveva essere acquistato separatamente dato che storicamente i server basati sul processore Power implementano lo Unix di Ibm, Aix, e Os/400. L’accordo, che non dice quando la nuova opzione sarà disponibile, prevede l’implementazione della versione Red Hat di Linux su tutti i server Power di Ibm, incluso il blade server biprocessore JS20 che oggi supporta Novell SuSE Linux Enterprise Server 8 e la variante realizzata da Turbolinux.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore