Legge Hadopi: avvertimenti in arrivo ai pirati, ma c’è chi dice no

CyberwarMarketingSicurezza

Hadopi in Francia ha inviato le prime lettere ai pirateri. I prossimi passi della Legge francese contro il Peer to peer e il download illegale

Toc Toc è il cyber-sceriffo: non sappiamo come hanno reagito i downloader francesi all’arrivo della prima lettera firma Hadopi. Inviate venerdì le prime lettere dagli Isp (Internet service provider) Numericable e Bouygues, ieri si sono aggiunti Orange e SFR. Ma c’è chi dice no: l’Isp Free si riuta di recapitare lettere ai pirati (accusati di aver scaricato file senza l’autorizzazione), almeno finché non sarà chiarito a chi spetta il rimborso per questo servizio di identificazione degli indirizzi IP e recapito delle lettere (dei tre avvertimenti).

Il sito di Hadopi.fr è già pronto, anche se c’è apprensione per l’attesa dei consigli per mettere in sicurezza la propria rete contro il rischio di accessi non autorizzati. I prossimi passi (in attesa del terzo colpo che dovrebbe staccare la spina ai pirati) prevedono una conferenza dell’Autorità di vigilanza per promuovere le alternative legali al download pirata.

Hadopi“ è stata varata dal Parlamento francese: la legge dei “tre schiaffi” (che stacca la spina ai pirati al terzo avvertimento) prevede che chi scarica illegalmente file, protetti dal copyright, dopo il terzo avvertimento, rischia la disconnessione da Internet. La Legge Hadopi 2 (dopo che la Hadopo 1 venne dichiarata incostituzionale, e il Parlamento ha dovuto votare una seconda versione, emendata) vuole diventare un deterrente contro la pirateria online, staccando la spina agli utenti del Peer to peer illegali recidivi, ai file swapper e ai pirati, presi con le mani nel sacco (o meglio sui bit).

Il governo Sarkozy spera che funzioni il meccanismo della dissuasione: la paura di essere disconnessi da Internet, Facebook e chat, terrà lontani i francesi dal P2p illegale? Il resto d’Europa guarda al “laboratorio francese anti file sharing pirata”, mentre nella UE è passato il Rapporto Gallo e si prepara l’accordo anti contraffazione Acta. Secondo una recente ricerca di Tera Consultants i danni della pirateria sono stati calcolati in 10 miliardi di euro. La pirateria digitale inoltre infligge perdite pari a 185 mila licenziamenti

[Fonte: ITespresso.fr]

Hadopi contro la pirateria
Hadopi contro la pirateria
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore