Legge Urbani, novità in arrivo?

NetworkProvider e servizi Internet

Mentre la Commissione interministeriale avvia le audizioni sull’ e-content, il ministro Stanca dichiara che modifiche sostanziali alla Legge Urbani dovrebbero arrivare in tempi brevi

La normativa vigente, la contestata Legge Urbani, sui contenuti informatici digitali, definiti e-content, e pirateria informatica dovrebbe entro un paio di mesi essere modificata. Dopo le forti contestazioni seguite prima al Decreto, poi alla Legge Urbani, il ministro all’Innovazione Lucio Stanca ha dichiarato in un’intervista che le competenze sono passate di mano e quanto prima verranno formulate delle modifiche sostanziali. Le modifiche dovrebbero riguardare il bollino sulle opere diffuse in Internet, la quota Siae e soprattutto le pene per chi utilizza i sistemi di file sharing. Il fine di lucro, e non più l’uso personale, dovrebbe diventare sanzionabile. La legge Urbani invece tutt’oggi prevede sanzioni pesanti e galera per chi scarica da Internet file musicali anche per uso personale. Nel frattempo si avvia la Commissione per l’e-Content, costituita nel luglio scorso dal ministro dell’Innovazione Stanca di concerto con i colleghi della Cultura e delle Comunicazioni Urbani e Gasparri. La prima audizione si terrà il 9 settembre e coinvolgerà l’ingegnere Leonardo Chiariglione, padre del formato mp3, insieme a Luigi Pugliese, principal manager della società Booz Allen Hamilton e Alessandra Silvestro, responsabile degli affari legali europei della Warner Bros.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore