Lenovo insidia Acer pigliatutto

Aziende

Acer, dopo aver lanciato l’Opa su Gateway, vorrebbe acquisire Packard Bell
sulla quale avrebbe messo gli occhi anche Lenovo

Acer pigliatutto deve ancora vedersela con Lenovo che non ha gettato la spugna con Packard Bell ma resterà attaccata alla società con “le unghie e con i denti”.

Insomma, quel che sembrava una certezza fino a poche ore fa, e cioè che dopo Gateway , Acer si sarebbe portata a casa anche Packard Bell diventando un mega colosso tra i Pc vendor nel mondo e in Europa, qualche certezza sembra traballare. Solo a breve, secondo quanto risulta a Vnunet, ci sarà una risposta definitiva sull’operazione.

Tutto può essere, ma una risposta definitiva potrebbe arrivare nel corso della tradizionale convention internazionale di Acer. Al momento non ci sono conferme da parte dei vertici di alcuna società.

L’unica informazione trapelata in queste ore è che il gruppo Lenovo non abbandonerà il ‘boccone’ Packard Bell tanto facilmente. A riprova di questo, sia la stampa finanziaria sia un comunicato di Gateway, società sulla quale Acer ha lanciato un’Opa, ne danno conferma. Gateway fa sapere di voler riprovare a lanciare il diritto di prelazione su tutte le azioni Packard Bell, dopo il tentativo non andato a buon fine nel giugno 2006.

E per via dell’Opa, Acer sarebbe avvantaggiata su Packard Bell rispetto a Lenovo. Ma la stessa Gateway mette le mani avanti e nello stesso comunicato precisa sia la non certezza di riuscita dell’attuale operazione di prelazione, sia il fatto che John Hui, magnate californiano di origini giapponesi e azionista di riferimento di Packard Bell, abbia concesso la vendita di tutte le azioni Packard Bell a un prezzo basato su una offerta che lo stesso Hui avrebbe ricevuto da una terza parte. E se questa terza realtà fosse proprio Lenovo?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore