NOTIZIE

Al tramonto l'era dei colossi dell'elettronica di consumo

L’era dei colossi dell’elettronica di consumo giapponese volge al tramonto

Solo pochi anni fa Sony, Panasonic e Sharp erano marche “premium”. Ma i Big dell’elettronica di consumo giapponese non hanno saputo guidare la transizione al digitale

Recentemente l’agenzia Bloomberg si chiedeva se il business Tv di Sony fosse da paragonare a Chrysler o a Oldsmobile della GM: qualcosa da salvare o meglio da cgiudere, per salvare il resto. Sony ha riportato la settima perdita trimestrale, a causa delle Tv Bravia e delle Cyber-shot: il Ceo Kazuo Hirai prevede di rendere profittevole il business delle Tv nel marzo 2014, dopo aver messo a segno 8.7 miliardi di dollari di perdite negli ultimi otto anni. Un altro colosso nipponico, Sharp è sull’orlo del fallimento, dopo aver tagliato 10 mila posti di lavoro ed aver fallito la cessione di impianti a Foxconn: prevedendo una perdita record da 5.6 miliardi di dollari, ha subìto un downgrade a titolo spazzatura (junk), da parte di Fitch. Anche Panasonic è in profondo rosso, e stima una perdita da 9.6 miliardi di dollari. Forrester Research osserva che fino a una manciata di anni fa in tutte le case americane c’era un prodotto di elettronica di una di queste marche.

La concorrenza della sud-coreana Samsung ed dell’americana Apple ha messo alle strette i colossi dell’elettronica di consumo giapponese: solo pochi anni fa Sony, Panasonic e Sharp erano “premium brand”, marche di fascia altissima, e i prezzi altissimi ne sottolineavano la qualità percepita. Invece nei giorni scorsi Moody’s ha bocciato il debito di Sony per la seconda volta, a un passo dal downgrade di “titolo spazzatura”. Cnet aggiunge che le Tv di Panasonic potrebbero perfino sparire dalla vendita. Il collasso segna un drammatco cambiamento di aziende che una volta erano l’emblema della consumer electronics nel mondo. Il monito di NPD Group è lapidario: “Quei giorni non torneranno mai più“. I grandi colossi indicano “aziende lente” (“big companies, slow companies”): i Big non hanno capito le tendenze in atto, dal fenomeno BYOD alla consumerization dell’IT, ed hanno perso il treno nel passaggio ai media digitali, ai giochi, ai dospositivi mobili, al fenomeno delle apps software ed alla pervasività di Internet.

Il declino delle Tv giapponesi ben rappresenta la caduta dei colossi dell’elettronica di consumo giapponese: Le Tv analogiche erano soprattutto modelli giapponesi, ma nel digitale hanno vinto Smart Tv con accesso a Internet e a un ecosistema di apps. I colossi nipponici non hanno saputo gestire la transizione ai pannelli flat, mentre una miriade di marche minori (e neanche troppo) – JVC, Hitachi, Fujitsu, Toshiba, NEC e Pioneer – uscivano dal business. Inoltre i Big giapponesi hanno perso la partita del Mobile: Panasonic e Sharp hanno giocato la carta del mercato interno, patendo l’insularità. Sony ha dovuto dare l’addio alla joint-venture con Ericsson, e ripartire da sola con Anderoid. L’iPhone nel 2007 ha trovato le aziende nipponiche impreparate: e quando Google rilasciò Android, Samsung ed HTC furono più svelte a cavalcare l’innovazione. Il resto è cronaca di questi giorni. Oggi Sony produce vari modelli di smartphone Android ed è diventato supplier della fotocamera all’iPhone. Anche Sharp è un display supplier di Apple.

Panasonic, da parte sua, terrà il keynote inaugurale al CES di Las Vegas a gennaio, per riaffermare la sua presenza nel settore. Ma i tempi d’oro, sembrano passati. Solo Sony ha concrete possibilità di resistere, grazie alla diversificazione: dalla Playstation ai film a Hollywood. Rifocalizzandosi su imaging e gaming, e radicandosi di più nel Mobile (con tablet e smartphone), Sony ha maggiori chance di riprendere la rotta nella giusta direzione. Ma nel mercato notebook, Lenovo, ormai primo vendor al mondo del mercato Pc, ha da molto tempo messo la freccia su Sony e Toshiba. E nel mercato smartphone, le case giapponesi devono temere la concorrenza di Huawei e ZTE.

Al tramonto l'era dei colossi dell'elettronica di consumo

Al tramonto l’era dei colossi dell’elettronica di consumo

 

ITespresso
Autore: ITespresso
ITespresso ITespresso ITespresso

I contenuti di Itespresso.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

Commenti




0 Commenti su L’era dei colossi dell’elettronica di consumo giapponese volge al tramonto

Lascia un Commento

  • I campi obbligatori sono contrassegnati *,
    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>