L’era post Enel di Wind

Aziende

Fastweb ha rinunciato, ora anche la cordata di Cesare Romiti non è stata valutata rispondente alle aspettative. L’Ipo rimane la strada maestra

Per Enel la strada maestra da seguire per Wind resta quella dell’Ipo, a partire dal 2005. Dopo la rinuncia di Fastweb, il cui addio a Wind ha fatto balzare la società in Borsa, l’acquisizione della controllata di Tlc di Enel è stata presa in seria considerazione da una cordata guidata da Cesare Romiti. Ma anche l’offerta su Wind presentata dal consorzio guidato da Cesare Romiti, intorno a 12 miliardi di euro, non ha soddisfatto le attese dell’azionista di Wind. Enel ribadisce che l’Ipo rimane l’ipotesi più plausibile.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore