L’Europa mette il tetto alla bolletta in roaming

NetworkProvider e servizi Internet
Roaming UE, bozza di regolamento da rivedere dopo la pioggia di critiche

Per evitare bollette da infarto, dal primo marzo nella Ue è in vigore il “data cap”. I gestori di telefonia mobile dovranno avvertire se un utente sta sforando il limite di dati e conversazioni dall’estero

Dopo lo storico tetto al prezzo degli Sms, ai costi delle telefonate e dati n roaming, dal primo marzo nella Ue è in vigore il “data cap”, per evitare bollette-infarto per gli utenti distratti che sforano i limiti di dati e conversazioni in roaming dall’estero.

I gestori di telefonia mobile dovranno avvertire se un utente sta sforando i dati e conversazioni dall’estero: sono le misure volute dalla Ue per armonizzare le tariffe dei vari paesi e soprattutto per avvicinare i cittadini all’Europa connessa (la Ue unita della telefonia) anche quando telefonano o scambiano la posta.

Dal primo marzo è diventata obbligatoria in tutta Europa: il data cap, o cut-off che permette di interrompere automaticamente una connessione dati in roaming quando viene raggiunto il limite di spesa prestabilito.

Per saperne di più, leggi The Inquirer: Roaming dati, entra in vigore il limite EU

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore