L’Europa protesta contro ACTA l’11 febbraio

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa
Proteste contro ACTA

Crescono in Europa le mobilitazioni contro il trattato anti contraffazione e per la tutela della proprietà intellettuale, ACTA. La mappa su Google delle proteste dell’11 febbraio

L’opposizione contro il controverso accordo anti contraffazione, Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA), sta montando in Europa. StopActa-protest.info ha visualizzato le mobilitazioni contro ACTA su una Google map dell’Europa. L’11 febbraio è la data scelta dal Partito Pirata britannico come la giornata contro ACTA. La Commissione europea si arrocca a difesa di ACTA, ma il trattato, sotto la “copertura” della cooperazione, può diventare un grimaldello per concedere poteri (legislativi e giudiziari, rispettivamente, gli uni a un comitato e gli altri a dei privati) che, secondo La Quadrature du Net, potrebbero mettere a rischio la Rete.

ACTA è un trattato internazionale nato per tutelare i diritti dei detentori del copyright contro la minaccia della pirateria internet, ma le clausole contenute nel trattato anti contraffazione potrebbero condurre a un giro di vite, tramite una maggiore regolamentazione, su Internet. Le opposizioni e le associazioni per i diritti digitali hanno sempre imutato alla gestazione di ACTA un’eccessiva segretezza – nel corso delle consultazioni fra UE, Usa ed altri paesi fin dal 2007.

La Polonia, già oggetto di un attacco di Anonymous, sta pensando di non ratificare il trattato. Il varo di ACTA ha provocato le dimissioni del relatore del dossier Kader Arif, europarlamentare francese incaricato del rapporto sull’accordo Acta (Anti Counterfeiting Trade Agreement) e membro della commissione Commercio internazionale . Il Primo ministro ceco Petr Necas al sito Czech ha detto che ACTA verrà messa a lungo e attentamente sotto la lente, prima di essere deliberata.

Il Partito Pirata inglese ha dichiarato l’11 febbraio il “giorno internazionale di azioni contro ACTA“, pensando a una combinazioni di proteste e di pressioni politiche come negli USA contro SOPA. La convocazione (su Facebook) delle mobilitazioni riporta che il giorno 11 febbraio tutta Europa manifesterà contro ACTA. Anche a Roma. La petizione contro ACTA ha già raccolto 1.75 milioni di firme e si accinge al giro di boa dei 2 milioni. In Italia raccoglie le firme l’associazione Agorà Digitale: qui è possibile firmare la petizione contro ACTA, il bavaglio mondiale a Internet.

No Acta
Crescono in Europa contro ACTA
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore