L’Europa può crescere, puntando su Intelligenza artificiale (AI), Industry 4.0 e Fintech

AziendeMercati e Finanza
Copyright e pacchetto Telecom: la UE sfodera le sue proposte
2 22 Non ci sono commenti

Nello studio intitolato “Futuro dell’Europa”, Frost & Sullivan vede nell’Intelligenza artificiale (AI), IoT, Digital single market e nel Fintech le tendenze che potrebbero delineare la crescita del Vecchio Continente da qui al 2025

Frost & Sullivan nello studio intitolato “Futuro dell’Europa” vede nell’Intelligenza artificiale (AI), nell’IoT, nel Digital single market e nel Fintech le tendenze (mega-trend) che potrebbero delineare la crescita del Vecchio Continente da qui al 2025.

Frost  & Sullivan: Il futuro dell'Europa fra AI, IoT, Fintech e Digital single market
Frost & Sullivan: Il futuro dell’Europa fra AI, IoT, Fintech e Digital single market

Pc e smartphone stanno diventando sempre più smart e lo sviluppo dell’Artificial Intelligence (AI) promette di portare l’Europa nell’era cognitiva: l’AI di Google e Ibm sono Europa-centriche. IBM ha annunciato che aprirà a Monaco il suo quartier generale globale e laboratorio di ricerca per realizzare le applicazioni basate su Watson per i dispositivi connessi al Web. Questo ed altri 8 centri globali fanno parte di un investimento pari a 3 miliardi di dollari. IBM ha aperto a Milano Watson Health, che punta in particolare a realizzare strumenti predittivi nel campo delle malattie oncologiche, neuro-degenerative e virali.

Anche Google ha scommesso sulla Germania, investendo in DFKI Research Centre. Ma soprattutto ha acquisito l’inglese Deepmind, la startup specializzata in AI che ha consentito al software Alphago di Google di battere un campione nell’antico gioco cinese dl Go.

Altro settore molto promettente per la crescita europea è il Fintech. I pagamenti contactless si stanno diffondendo: pagare la metropolitana con la carta di credito è un passo avanti a Londra.

Il Fintech occupa più persone in UK che a Singapore, Hong Kong, Germania ed Australia messe insieme. Il settore a Londra vale 9.4 miliardi di dollari e batte la California e New York. Mentre incombe lo spettro della Brexit, il Fintech cresce a Stoccolma e a Berlino.

Nuova frontiera dell’automazione è Industry 4.0. La Germania sta trainando il continente.

Altri settori promettenti in Europa sono IOT, Blockchain eccetera.

Ma la notizia più importante è il varo del Digital Single Market, il mercato unico digitale che potrebbe contribuire per 415 miliardi di dollari all’anno all’economia europea, grazie allo sblocco degli ostacoli all’e-commerce europeo.

Il 15% degli utenti consumer ha comprato online da un altro Paese UE nel 2014, mentre il 44% ha comprato in Rete nel mercato domestico. Il 57% delle aziende potrebbe aumentare o avviare le vendite online verso altri Paesi UE. I consumatori europei potrebbero risparmiare 11.7 miliardi di dollari all’anno con lo shopping online.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore