Lg Flatron Slim L1970HR-BF

Stampanti e perifericheWorkspace

Grande formato e buona qualità per un monitor tuttofare

Sobrio nell’aspetto ed equilibrato nelle prestazioni, il nuovo Lg Flatron Slim si è dimostrato un ottimo prodotto destinato all’uso domestico e professionale. La superficie visibile di 19? consente di raggiungere una risoluzione di 1.280×1.024 punti offrendo immagini nitide e ben definite, nonostante il dot pitch non sia tra i più ridotti oggi in circolazione, con 0,294 mm. La luminosità tipica di questo display è di 300 cd/m2, il contrasto che raggiunge un valore di 2.000:1 e il tempo di risposta dichiarato è di 2 ms. Per migliorare la qualità di visualizzazione delle immagini, i l display è trattato con un sistema antiriflesso denominato Hard Coating, che consente di disporre di un angolo di visualizzazione, sia per l’asse verticale che per quello orizzontale, che arriva a 160°. Guardando le immagini riprodotte si è potuto notare che l’angolazione effettivamente raggiungibile visualizzando correttamente le immagini si trova in posizione molto decentrata rispetto allo schermo. Per ottimizzare comunque l’angolo di osservazione verticale quando il monitor è fissato sul supporto, si può intervenire inclinandolo di 30° partendo da una posizione perpendicolare al tavolo su cui poggia. In opzione è possibile utilizzare un supporto con standard Vesa per fissare il Flatron Slim alla parete dove, grazie allo spessore estremamente contenuto, sarà veramente di minimo ingombro. Durante le nostre prove abbiamo potuto apprezzare una elevata qualità complessiva di riproduzione delle immagini. I colori riprodotti dal Faltron Slim sono nitidi, con sfumature continue nella maggior parte dei casi. Qualche incertezza si è vista solo nei contrasti tra bianco e nero e nella riproduzione di scale di grigi, dove si nota un leggero effetto di ghosting.I colori agli estremi della gamma cromatica sono leggermente saturi ma con una perdita di dettaglio minima, che viene comunque compensata dall’intensità generale delle sfumature. Anche il dettaglio geometrico si mantiene equilibrato, non presenta infatti difetti o artefatti nella riproduzione di pattern ripetuti o nella visualizzazione di temi concentrici. Nella serie di test HQV, destinati a stabilire le fruibilità dei display nella riproduzione filmati e contenuti generalmente destinati alle Tv, il prodotto in esame presenta le limitazioni tipiche dei prodotti concorrenti di pari categoria. La riproduzione di immagini in movimento non affatica particolarmente l’unità in prova, ma è possibile individuare leggeri effetti scia e artefatti di riproduzione come l’effetto moire e la ?scalettatura? delle immagini con cadenze particolari. L1970HR-BF dispone di connettore Dvi-D e di un’uscita Vga per il collegamento alla sorgente video, mentre l’alimentatore per il collegamento alla rete elettrica è esterno. La gestione delle funzioni avviene con i quattro pulsanti, oltre a quello di accensione e spegnimento, posizionati sotto il display. I menu, disponibili anche in lingua italiana, sono semplici da utilizzare e offrono un discreto livello di controllo. Una funzione particolarmente interessante, soprattutto per chi non è particolarmente esperto o non ha grande dimestichezza con la regolazione dei colori è offerta dal Flatron Engine. Questa funzione consente di dividere temporaneamente il display in due sezioni dove è possibile visualizzare i colori, con le impostazioni attuali e un’anteprima, in modo da poterli confrontare senza interferenze visive. Per quanto riguarda le certificazioni, il display Lg risponde agli standard Tco 2003 ed Epa Energy Star. I consumi dichiarati dal costruttore sono particolarmente contenuti, con valori di 35 W in modalità operativa e un consumo di circa 1 W in modalità sleep. Lg Flatron Slim L1970HR-BF è dunque il compagno ideale per l’utente domestico alla ricerca di un buon prodotto, caratterizzato da un design elegante e buona qualità visiva, ma anche per il professionista e gli uffici.

Votazione: 90

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore