E-paymentMarketing

Lg G Pay debutterà a Mwc 2016

Lg G Pay debutterà a Mwc 2016
1 1 Nessun commento

Il sistema di pagamenti mobili Lg G Pay potrebbe debuttare a Mwc 2016 a Barcellona

Il sistema di pagamenti mobili Lg G Pay potrebbe debuttare a Mwc 2016, che si terrà a Barcellona. Il sistema di m-payments si collegherà a una carta di credito universale collegata al portafoglio digitale, per trasformare il modo in cui si pagherà tutto.

Lg G Pay debutterà a Mwc 2016
Lg G Pay debutterà a Mwc 2016

I micro-pagamenti mobili rappresentano il futuro e Lg non vuole rimanere fuori della partita. In futuro, Lg Pay sfiderà Apple Pay, Android Pay, Samsung Pay e PayPal. Anche Microsoft avrebbe in cantiere il suo sistema di m-payments.

G Pay non richiederà uno smartphone e arriverà in Corea del Sud entro fine anno. La ‘White Card’ consentirà di passare da carte o account usando un display LCD a basso consumo. La carta si ricarica via connettore della batteria e avrà due bottoni per lo switch fra accounts e per bloccare la white card.

Ancora non sappiamo se G Pay sfrutterà la tecnologia NFC come Apple Pay oppure la tecnologia MST, usata dal 90% dei retailer, come in Samsung Pay. Il mercato dei pagamenti mobili è stimato da IDC a quota 1 trilione di dollari nel 2017. I pagamenti mobili, secondo Gartner, rappresentano un mercato globale da 720 miliardi di dollari di valore dal 2017. In crescita rispetto ai 235 miliardi di dollari dell’anno scorso.

Quanto ne sai del mondo dei pagamenti “mobili”? Mettiti alla prova con un Quiz!

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici