L’hi-tech italiano non tiene il ritmo

Workspace

Gfk dipinge il rallentamento dell’elettronica di consumo in Italia, a causa del crollo delle vendite dei cellulari, dei lettori mp3 e delle videocamere. Bene i segmenti notebook, Gps, fotocamere, console e Tv Lcd

Negli ultimi anni il mercato consumer aveva fatto la parte del leon e nella crescita dell’Ict italiano (come ha sempre mostrato il Rapporto Assinform), ma ora è in frenata.

La lunga marcia dell’hi-tech tricolore rallenta: l’istituto di ricerche di mercato Gfk fotografa la frenata dell’elettronica di consumo in Italia, come riporta Repubblica.it. I primi cinque mesi dell’anno registrano una f lessione dell’1% (con un crollo del 6% a maggio) in valore rispetto all’inizio del 2007.

A flettere sono state le principali categorie dei prodotti: l ettori mp3 (-14%), desktop casalinghi (-15%), videocamere (-10%), cellulari (-7%), Tv al plasma, lettori Dvd, decoder e telecamere.

Ad andare bene sono invece i navigatori satellitari (+55%), i televisori Lc d, trainati da Europei e Olimpiadi, le fotocamere digitali, soprattutto reflex (+13%), i notebook (+10%). A maggio i notebook hanno sfiorato +50% per unità vendute e le console in crescita del 50%.

Mentre il mercato dell’elettronica di consumo vola a due cifre in Svizzera, Austria e Germania, il Regno Unit o (veleggia verso il -10%) e il Belgio (-5%) vanno peggio dell’Italia. Il timore è che il crollo dei consumi, che ha già duramente colpito abbigliamento e altri settori, inizi a intaccare anche il mercato del consumer electronic italiano.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore