L’home entertainment in Italia, fra digitale e supporto fisico

E-commerceMarketing
L’home entertainment in Italia, fra digitale e supporto fisico
0 1 Non ci sono commenti

Il supporto fisico fa ancora la parte del leone nel settore dell’home entertainment, ma il digitale è in crescita a doppia cifra. L’analisi di GfK Italia per Univideo

L’home entertainment è un mercato da 368 milioni di euro. Il digitale traina il mercato dell’intrattenimento digitale domestico, ma a fare la parte del leone è ancora il supporto fisico. Sono i dati analizzati nel Rapporto Univideo 2016 (Pdf).

Il comparto Home Video, dopo anni di depressione e un 2014 fermo al palo, nel 2015 ha generato un giro d’affari pari a 368 milioni di euro, registrando un incremento del 5,1% rispetto all’anno precedente.

L’home entertainment in Italia, fra digitale e supporto fisico
L’home entertainment in Italia, fra digitale e supporto fisico

Dai dati elaborati in collaborazione con GfK Italia, emerge che il settore Home video rappresenta una fetta importante dell’intera industria cinematografica: supera la metà degli incassi del botteghino del 2015.

Il nostro è l’unico Paese in Europa a registrare un trend positivo nelle vendite di DVD e Blu-ray, confermato anche dai dati dei primi tre mesi del 2016: da gennaio a marzo sono tornate a crescere le vendite di novità, grazie ad un trimestre particolarmente ricco di uscite di successo. Dopo anni di contrazione, anche i prezzi tornano a salire rispetto a quelli osservati nel primo trimestre 2015” spiega Lorenzo Ferrari Ardicini, presidente di Univideo.

Il supporto fisico vale 332 milioni di euro di fatturato tra vendita e noleggio di DVD e Blu-ray.

Il supporto fisico fa ancora la parte del leone nel settore dell’home entertainment, ma il digitale è in rapida ascesa. Il digitale (Video on Demand e Electonic sell-through) registra una crescita del 42%: vale 36 milioni di euro.

Oltre la metà dei consumatori sceglie i Film, seguiti dall’Animazione. Ma sono le serie Tv in grande spolvero: con +12,9% in valore e +19,9% in volume, i cofanetti mettono a segno un balzo rispetto al 2014.

Il noleggio di Dvd e Blu-ray è in declino (-12,2%): pur essendo in flessione, vale il 10% dell’intero fatturato. “Siamo convinti che nei prossimi anni il digitale conquisterà ulteriori fette di mercato – conclude Lorenzo Ferrari Ardicini anche grazie al piano varato dal Governo per incrementare la diffusione della banda larga entro il 2020”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore