LibreOffice 4.1 guadagna in interoperabilità

ManagementMarketingWorkspace
LibreOffice 4.1, passi avanti nell'interoperabilità
0 0 Non ci sono commenti

L’interoperabilità è il punto di forza di LibreOffice. Gli utenti di software proprietario potranno conservare il layout e i contenuti originali, grazie alla compatibilità con formati proprietari e legacy. 25 settembre 2013: appuntamento con la comunità alla Terza LibreOffice Conference in Italia

LibreOffice 4.1, la suite libera per ufficio, si aggiorna e ridefinisce il concetto di compatibilità con i formati proprietari e legacy. The Document Foundation ha presentato la nuova versione LibreOffice 4.1, in download, spiegando che la nuova edizione fa passi avanti nell’interoperabilità. La compatibilità con formati proprietari e legacy, accresce le opportunità di condivisione con gli utenti di software proprietario, grazie alla possibilità di conservare il layout e i contenuti originali.

L’interoperabilità è il punto di forza di LibreOffice. Migliorie sono state aggiunte ai filtri di importazione ed esportazione di Microsoft OOXML, così come ai filtri per i formati legacy di Microsoft Office e RTF. Gli sviluppatori certificati che supportano i progetti di migrazione, sulla base di contratti di consulenza professionale, hanno lavorato proprio sul concetto d’interoperabilità.

Fondamentali per l’interoperabilità sono anche l’embedding delle font in Writer, Calc, Impress e Draw, per conservare l’aspetto visivo anche quando le font usate per produrre il documento non sono installate sul PC usato per leggere il file. Sono cruciali anche le nuove funzionalità di import ed export di Excel 2013 per la compatibilità con ODF OpenFormula.

Oltre all’interoperabilità, LibreOffice 4.1 offre un gran numero di funzionalità completamente nuove e e di miglioramenti anche in altre aree della suite, che sono elencati qui:

LibreOffice 4.1, inoltre, importa alcune funzionalità di Apache OpenOffice, tra cui la barra laterale di Symphony, che viene però giudicata sperimentale in quanto gli sviluppatori di LibreOffice stanno lavorando all’integrazione con la tecnica dei widget. Questi renderanno la barra laterale ridimensionabile in modo dinamico e quindi coerente con il comportamento di tutte le finestre di dialogo di LibreOffice.

Il prossimo 25 settembre, la comunità LibreOffice convergerà in Italia alla Terza LibreOffice Conference, ospitata dal Dipartimento di Computer Science dell’Università Statale di Milano. La call for paper è aperta fino a domenica 4 agosto.

Conoscete GNU/Linux e la sua storia? Misuratevi con un Quiz!

LibreOffice 4.1, passi avanti nell'interoperabilità
LibreOffice 4.1, passi avanti nell’interoperabilità
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore