Libri online, Amazon e Google ai ferri corti

Autorità e normativeNormativa

Oggi si terrà una conferenza stampa di Google sul famoso patteggiamento degli editori con Google Books. Ma Amazon, dopo lo stop della Germania, va all’attacco in tribunale: l’accordo sarebbe un “copyright hack” senza precedenti

Dopo i malumori della vigilia, i maldipancia dell’estate e lo stop tedesco al patteggiamento, Google Books oggi passerà al contrattacco. In mattinata si terrà una conferenza stampa di Google, con i supporter dei gruppi civili e persone con disabilità, sul famoso patteggiamento degli editori con Google Books.

Ma il patteggiamento continua ad essere al centro della scena, dopo la bocciatura da parte della Germania: l’accordo forfaittario da 125 milioni di dollari fra Google e gli editori, e cioè la proposta di Google di digitalizzare milioni di libri, pagando in cambio una cifra forfaittaria agli editori, si scontra con la normativa tedesca sul copyright.

Anche Amazon, già scesa in campo nelle scorse settimane unendosi a Microsoft e Yahoo! e Amazon nella triplice alleanza Open Content Alliance (per combattere il “rischio monopolio” di un’unica biblioteca universale, dominata da Google), è tornata sull’argomento.

Amazon accusa l’accordo di porsi come un “copyright hack” senza precedenti. Amazon ha detto la sua ufficialmente, presentando una memoria ( PDF ) alla corte distrettuale Usa del Southern District di New York. Amazon accusa Google di aver passato allo scanner materiale protetto dal copyright, senza averne i diritti e il permesso esplicito.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore