Licenziamenti nel settore ICT

NetworkProvider e servizi Internet

Epreoccupante la situazione dei licenziamenti causati dallinnovazione tecnologica, ma tante sono anche le opportunita di nuove occupazioni.

BRUXELLES. E stata inaugurata da poco la Ict @ction campaign 2002-2003 che ha lobiettivo principale di promuovere una campagna di iniziative sindacali contro i numerosi licenziamenti che hanno toccato ormai punte preoccupanti (si parla di 550.000 lavoratori licenziati per il solo anno 2001 in tutta Europa) nello specifico comparto dellIct. In particolare saranno monitorate 40 grandi aziende del settore, saranno tenute due conferenze e si cerchera di coinvolgere lEicta (associazione europea che rappresenta il comparto dellIct e dellelettronica di consumo) allo scopo di porre le basi per una trattativa negoziale che possa estendersi anche agli organi di vertice della Comunita europea. Con la diffusione delle nuove tecnologie nel mondo del lavoro e principalmente con lintroduzione dei computer si sono verificati i primi fenomeni di disoccupazione tecnologica che oggi, purtroppo, hanno raggiunto livelli preoccupanti. In effetti la causa principale di questo vistoso calo delloccupazione e lautomatizzazione del lavoro rutinario ed anche se molti hanno sottolineato che in fin dei conti i lavori eliminati sono quelli faticosi, ripetitivi, sgradevoli, resta il fatto che queste opportunita sono venute meno. Onestamente, pero, discutendo di ICT, sarebbe sbagliato trarre conclusioni affrettate, in quanto si dimentica che se da un lato si verificano dei cali occupazionali, dallaltro nascono nuove opportunita di lavoro e nuove figure professionali. Basti pensare alla nascita di nuove professioni grazie alla diffusione del web come quella di product marketing manager, di consulente e-business, di security manager e di field service engineer. Oppure alla nascita di nuovi lavori o modalita di lavoro come nel caso delloutsourcing, dell e-learning, del telelavoro. Ma allo stato attuale la situazione a livello occupazionale e ancora critica per due motivi 1. mancanza di unadeguata riqualificazione professionale dei lavoratori del comparto ICT; 2. necessita di ripensare i processi organizzativi ed i modelli di organizzazione del lavoro in funzione dellinnovazione tecnologica (process reengineering).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore