LifeProof, come rendere indistruttibile iPhone 6 anche al mare

Dispositivi mobiliMobility
0 0 Non ci sono commenti

LifeProof arriva all’appuntamento dell’estate con le custodie per smartphone aggiornate. Come proteggere iPhone 6 e iPhone 6 Plus, da cadute, acqua, polvere, sabbia e fango, e non separarsene mai, nemmeno quando si va in moto

Si sa, l’estate è tempo di riposo, divertimento, momenti di socialità, sono mille le occasioni per scattare selfie e foto a go-go. Se in montagna è sufficiente stare attenti a non fare cadere lo smartphone, proprio su quello spuntone, al mare i rischi sono infinitamente di più, senza contare a quando si vorrebbe utilizzare il proprio iPhone 6 anche in mobilità, con bici e moto.

Eppure c’è una soluzione a tutto e noi abbiamo messo alla prova quella di LifeProof, pensata proprio per i modelli iPhone 6 e iPhone 6 Plus. Per iPhone 6, nello specifico, LifeProof mette a disposizione due custodie: Fre e Nuud, noi abbiamo provato la seconda.

Lifeproof Nuud
Lifeproof Nuud

La differenza più importante è che con Fre il display è protetto da una pellicola di acetato e la parte posteriore evidenzia solo il logo Apple, invece noi abbiamo scelto LifeProof Nuud, che non protegge il display con un’ulteriore guaina, ma lo lascia scoperto proprio per un contatto diretto con le vostre dita, e tuttavia con le stesse caratteristiche di impermeabilità fino a 2 metri garantite anche da Fre, per un’ora, così come è garantita la caduta da un’altezza di due metri senza danni, ovviamente il display resta la parte più esposta. Comunque la custodia è certificata IP-68 e secondo gli standard militari 810G-516.6.

iPhone 6 e LifeProof Nuud
iPhone 6 e LifeProof Nuud – Tutti i comandi e i tasti restano accessibili e si può anche ricaricare, o continuare a usare gli auricolari. Lo smartphone può cadere da 2 metri senza danni, cadere sulla sabbia o finire fino a 2 metri sott’acqua per un’ora. Una custodia per l’estate

 

Il guscio posteriore di Nuud è poi trasparente, per esaltare comunque la bellezza di iPhone 6 e lasciare a vista il marchio Apple. Diciamo che per tutte le occasioni vanno bene entrambe le custodie, ma che forse ci fa un po’ più impressione pensare a un ambiente fangoso con l’utilizzo di Nuud, laddove preferiremmo anche noi utilizzare Fre, è solo una questione di sicurezza ‘mentale’, per il produttore gli utilizzi potrebbero essere anche identici.

iPhone e LifeProof Nuud il dorso trasparente
iPhone e LifeProof Nuud il dorso trasparente

Le custodie in ogni caso hanno un prezzo abbordabile. Fre costa circa 70 euro, Nuud proprio per questa caratteristica di impermeabilità anche senza protezione anteriore costa 10 euro in più.

Nella confezione di LifeProof Nuud si trova la custodia, ma si trova anche il necessario per testare l’impermeabilità in acqua con un supporto di plastica, e una pellicola per proteggere comunque il display, il montaggio è semplicissimo, basta aprire la custodia e inserire il proprio iPhone. Noi non abbiamo rimosso la nostra pellicola di protezione, sottilissima, se ne avete una in vetro, di certo andrà rimossa, poi applicherete quella che trovate a disposizione.

 

BarMount e QuickMount
BarMount e QuickMount

Detto e fatto, a questo punto avete il vostro iPhone 6 perfettamente protetto, potete ancora usare il riconoscimento dell’impronta digitale anche se anch’esso è protetto, tutti i tasti sono perfettamente utilizzabili compreso quello laterale sinistro in alto, di blocco. Avete a disposizione ancora anche il minijack per le cuffie, con la miglioria per cui il tappino, ora è direttamente collegato alla scocca e non lo perderete.

Nella confezione c’è un piccolo cavo di prolunga per assicurare la relativa impermeabilità almeno fino alle vostre cuffie. Con iPhone inserito nella custodia è ancora possibile anche ricaricarlo, ma attenzione, potrete farlo con il cavo originale, ma non invece con l’adattatore iPhone/microUSB, perché il connettore è più largo e non passa attraverso la custodia. E’ l’unico vero limite, quando si parla della custodia.

Se oltre ad essa acquistate anche Bike+Bar Mount With Quickmount siete pronti per utilizzare il vostro iPhone ben custodito anche con la bici e la moto, affrancato a manubrio, oppure a uno dei tubolari disponibili sul vostro velocipede o sulla vostra moto. Abbiamo testato anche questo sistema, che è profondamente cambiato rispetto a quello disponibile per la versione iPhone 5.

BarMount e QuickMount_2
BarMount e QuickMount, in ogni acquisto si trova anche la placchetta per il fissaggio. La placca per il dorso della custodia è venduta con BarMount e QuickMount non con la custodia stessa

Ora è necessario applicare con adesivo 3M in dotazione, una placca sul dorso della custodia, e prima di utilizzarlo poi attendere 24 ore, questa placca con un sistema magnetico e di aggancio sarà da fissare poi al proprio sistema QuickMount, che rimane fisso sulla moto. Il sistema è un po’ meno pratico del precedente, a nostro avviso, ma altamente sicuro: è proprio impossibile sganciare iPhone dal supporto se non si vuole farlo e QuickMount è dotato di un ulteriore blocco. Resta il pensiero della tenuta dell’adesivo, mentre in precedenza il sistema di fissaggio era del tutto meccanico, ma per questo ci fidiamo della scelta di LifeProof e di 3M. Purtroppo questo sistema di fissaggio costa altri 40 euro circa.

Diversamente dalla versione precedente due note: la prima è relativa alla minor maneggevolezza di tutto, questo anche per le maggiori dimensioni dell’iPhone 6. Con la nostra Bmw 1200 Gs abbiamo faticato un po’ a trovare la collocazione ideale, perché sul tubolare a fianco del tachimetro non sarà facilissimo procedere con le operazioni di aggancio e sgancio e il manubrio, dove è libero, ha purtroppo uno spessore eccessivo. L’operazione a nostro avviso è del tutto impossibile se avete scelto iPhone 6 Plus. Custodia e accessori vari sono disponibili anche su Amazon.it, in questo momento, prima di partire per l’estate forse è il modo più veloce per procurarsi quanto serve.

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore