L’impatto delle Olimpiadi 2012 di Londra sull’IT

AziendeManagementPCWorkspace
Lo stadio olimpico di Londra per le Olimpiadi 2012

Per l’IT le Olimpiadi 2012 saranno, ancora una volta, un banco di prova per spingere l’acceleratore sull’innovazione IT. Le sfide delle aziende hi-tech ai giochi olimpici di Londra

Ci sono eventi globali, come le Olimpiadi o i mondiali di calcio, in cui si testano novità tecnologiche che poi verranno adottate su larga scala in tutto il mondo. Anche le Olimpiadi 2012, che si terranno a Londra, non faranno eccezione e saranno un banco di prova per sperimentare nuove tecnologie, prima del debutto globale.

Samsung, per esempio, ha lanciato TecTiles, una piattaforma automatica di programmazione NFC (near field communication) per legare operazioni smartphone agli stickers wireless-abilitati. Gli sticker programmabili permetteranno agli utenti di assegnare task che possono essere attivate piazzando dispositivi abilitati a NFC vicino agli sticker: quando un utente tocca lo sticker, si possono inviare Sms o lanciare applicazioni. Samsung si immagina per ora un utilizzo “promozionale” dei TecTiles: per inviare “Like” su Facebook o effettuare i check-in su Foursquare. La Gran Bretagna potrebbe diventare l’avanguardia europea della tecnologia NFC, visto che operatori e banche stanno adottando, in maniera aggressiva, la tecnologia Near field communication.

Partner IT dell’evento sono: Asos, BT, Acer, Panasonic, Cisco e Samsung. Il CTO di Cisco, Ian Foddering, ritiene che la cloud sia stata una scelta felice, in quanto ha il beneficio di adattare rapidamente l’infrastruttura utility a una grande richiesta di applicazioni, visto che si passerà da poche migliaia persone dello staff alle dimensioni di un colosso  FTSE 100, in un breve lasso di tempo. Cisco fornirà network routing e switching, sicurezza e firewall per sostenere il comitato olimpico Locog, ma anche supportare la gestione email,accesso Wi-Fi e telefonia IP (Voip).

L’azienda Wave invece vuole creare network Wi-Fi pubblici, supportati dalla pubblicità, mentre Snap Fashion cerca di creare un motore di ricerca virtuale specializzato nei vestiti ed abbigliamento. Ibm ha creato la molecola di grafene, l’Olympicene, con il logo dei cinque cerchi olimpici in versione nanotech.

Infine, quando le Olimpiadi saranno finite, il governo di Cameron vuole trasformare l’East End di Londra in una rivale della Silicon Valley. L’Olympic Park Press e i Broadcast Centres saranno trasformati in ‘accelerator space’ per offrire nuove possibilità alle start-up britanniche. Per l’IT le Olimpiad 2012 saranno, ancora una volta (come già in Cina, e ai giochi olimpici invernali di Vancouver e Torino), un importante banco di prova per innovare. LeWeb di Londra del 19 al 20 giugno aprirà la conferenza per le start-up dell’IT nella capitale britannica.

Lo stadio olimpico di Londra per le Olimpiadi 2012
Lo stadio olimpico di Londra per le Olimpiadi 2012
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore