L’industria software converge su Amd

Aziende

Novell, Red Hat e Sun hanno garantito il proprio supporto alla nuova tecnologia che consentirà di supportare con maggior efficienza le richieste delle applicazioni multi-threaded

Novell, Red Hat e Sun garantiscono il proprio supporto software alla tecnologia multi-core Amd64: è quanto annunciato da Amd subito la dimostrazione del primo processore al mondo x86 dual-core, effettuata da Amd qualche giorno fa nei propri uffici di Austin. I nuovi processori Amd64 dual-core, che nella dimostrazione sono stati installati all’interno di un server HP ProLiant DL585, sono progettati per funzionare con le attuali versioni di Linux, Solaris, Windows, oltre che con le applicazioni x86 e Amd64 già esistenti, senza la necessità di effettuare alcuna modifica al software. “Amd continua a essere un importante motore di innovazione all’interno dello standard di settore, offrendo ai clienti un’ampia libertà di scelta”, ha dichiarato Marty Seyer, corporate vice president e general manager, Microprocessor Business Unit, Computation Products Group di Amd. “L’architettura Amd64 offre il percorso più lineare possibile verso il calcolo a 64 bit, per questo motivo manteniamo lo stesso tipo di approccio anche con la tecnologia multi-core, pensata per minimizzare l’impatto sui nostri partner hardware e software. L’approccio customer-centric di Amd permetterà ai centinaia di Isv che fanno parte dell’ecosistema AMD64, di sfruttare le performance dei processori dual-core senza dover scrivere un ulteriore codice”. L’azienda ha quindi raccomandato agli Isv di predisporre le licenze per le loro applicazioni in base al tipo di socket software di interfacciamento impiegato. Questa raccomandazione rispecchia il modello di licenza che il settore ha stabilito per i processori Smt (Simultaneous Multi-Thread) e consentirà al software x86 attuale di funzionare con processori dual-core senza dover effettuare modifiche. Questa impostazione è concordata da Gartner, come ha dichiarato Martin Reynolds: “Gartner consiglia agli utenti di cercare di negoziare le licenze software considerando un dispositivo single-chip come un solo processore indipendentemente dai core che esso contiene”. I processori Amd Opteron dual-core saranno disponibili a partire dalla metà del 2005.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore