Linux a dieta per il laptop di Negroponte

Workspace

Il notebook anti Digital divide costerà 50 dollari entro il 2010

Al LinuxWorld Negroponte non ha risparmiato critiche ai sistemi operativi rei di sprecare risorse e di essere “ingrassati” senza motivo. Il progetto anti divario digitale, One Laptop Per Child, ha già operato la scelta di Linux. Ma il notebook a manovella del Mit e del MediaLab di Negroponte contro il Digital divide, supportato anche dalle Nazioni Unit, vuole Linux, ma in una versione più snella. Il progetto, dedicato a paesi emergenti come Argentina, Brasile, Cina, Egitto, India, Nigeria e Tailandia, infatti è un progetto educativo contro la povertà: dai 1 35 dollari per unità, vorrebbe scendere a 100 dollari entro il 2008 e arrivare a 50 dollari entro il 2010: per far ciò vuole equipaggiarlo con un Pinguino messo a dieta, un sistema operativo leggero e non “fuori peso”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore