Linux: critiche alla nuova registrazione

Workspace

Pareri negativi per la nuova procedura, che obbliga chiunque apporti modifiche al kernel di registrarsi.

LONDON, UK. La nuova procedura introdotta da Linus Torvalds, che obbliga chiunque apporti modifiche al kernel di registrare il suo nome e indirizzo e-mail, non piace a molti. Secondo alcuni la nuova procedura DCO (Developer’s Certificate of Origin) sarebbe del tutto inutile e sovrabbondante. Per altri ancora, invece, si tratta di un modo per scoraggiare i programmatori a inserire contributi illegali (perchè di proprietà altrui) all’interno del kernel di Linux. I più critici affermano che questa mossa e’ la diretta conseguenza dei timori per violazione di copyright sorti con l’instaurazione della causa fra la SCO e la IBM. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore