Linux Desktop non sfonda

Workspace

Secondo Red Hat e SuSe Linux di Novell non c’è mercato. Ma Ubuntu  tenta ancora la conquista dei desktop con una nuova versione. A sfidare Vista sembra rimanere solo il nuovo Leopard di Apple sui Mac con chip Intel

Anche se pochi amano Windows Vista, Linux Desktop non sfonda. Lo pensano in tanti di questi tempi. Red Hat, spalleggiata da SuSe Linux di Novell,conferma le difficoltà di Linux fuori dall’ambito business, ma Ubuntu ci prova e esprime ottimismo.

Ubuntu 8.04 , nota con il nome in codice Hardy Heron, è in controdenza. Canonical conferma il rilascio definitivo per aprile e definisce Ubuntu 8.04 come l’edizione della maturità, un sistema operativo su misura efficace per i programmi che lavorano su KVM o VMware. Inoltre Ubuntu sul desktop gioca la carta dell’interoperabilità con Windows e, in ambito server, Ubuntu 8.04 Long Term Support (LTS) Server Edition punta dritto al mondo business.

Anche Dell si dice soddisfatta della vendita di PC con Ubuntu Linux: secondo ComputerWorld l’iniziativa non solo proseguirà, ma amplierà il parco macchine. Il boss di Canonical, Mark Shuttleworth, ha inoltre affermato che “la versione desktop è più remunerativa di quella server”.

Red Hat invece rinuncia a Linux consumer: il vendor del Pinguino non vede Linux sui pc personali e sente l’eccessivo peso di Microsoft.

Novell prevede per Linux un futuro a cinque anni ancora fortemente focalizzato sulle imprese. Con SUSE Linux Enterprise Desktop 10, Novell ha sperimentato le stesse difficoltà di Red Hat.

Linux desktop ha avuto un momento di nuova celebrità con i laptop low-cost, da Olpc a Asus EeePc, ma proprio il successo di quest’ultimo portatile a basso costo ha recentemente allungato la vita a Xp

negli ultra portatili: anche in questo mercato di nicchia, Windows è molto richiesto e presto spodesterà Linux.

Proprio mentre Gartner parla del collasso di Windows, e Vista vende solo sui computer nuovi (il ceo Steve Ballmer ha detto che Vista è incompleto ), Linux Desktop non riesce ad approfittare delle “difficoltà” di Microsoft.

Ad avvantaggiarsi è il Mac dell’era dei chip Intel: a febbraio 2200 utenti corporate statunitensi intervistati da Computerworld si sono dichiarati soddisfatti da MacOS X al 53%.

Leopard è l’unico sistema operativo in grado di sfidare Vista (ma non Xp). Per Linux Desktop, c’èancora tempo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore